mercoledì 18 gennaio 2012

Una giornata con il tuo scrittore preferito

Questo post mi è stato suggerito da un commento ricevuto con un mio articolo in un aggregatore di notizie. L’articolo in questione chiede: Con quale personaggio vi piacerebbe uscire a cena?

Be’ nel commento ricevuto, una lettrice risponde che non ha nessuna intenzione di uscire con un personaggio letterario, però gli autori con i quali uscirebbe sono almeno tre, sebbene non dica quali.

A questo punto cambiare le carte in tavola, mettermi addosso i panni del ficcanaso e cercare di capire quale sia l’autore o l’autrice che più vorreste conoscere diventa un gioco da bambino.

Dopotutto non c’è nulla di difficile. Dovete soltanto fare finta che per qualche strano motivo avete la possibilità di trascorre una giornata con la vostra scrittrice o il vostro scrittore preferito. È ovvio che non dovete scegliere un autore o autrice per motivi fisici, ma bensì letterari. Mi piacerebbe permettervi anche di viaggiare nel tempo e magari avere la possibilità di incontrare qualche scrittore passato a miglior vita, ma credo di aver già postato in passato un articolo simile.

Io, senza pensarci tanto, penso proprio che vorrei incontrare Cormac McCarthy e immagino che ci sia anche qualcun altro con questa mia aspirazione. Be’ vi confesso, che nonostante il mio inglese zoppichi parecchio sarei molto felice di stringergli la mano.

44 commenti:

  1. Io se dovessi scegliere cosi' su due piedi direi Ray Bradbury e mi va bene che e' ancora vivo :-p

    RispondiElimina
  2. Io ho avuto il grande piacere di passare un pomeriggio e in seguito una serata, con l'amico Claudio Vergnani. Era ed è tuttora uno dei miei scrittori preferiti, e che credo che un feeling con altri come ho con lui non lo avrei. Ora dobbiamo incontrarci di nuovo, e ti assicuro che so già che sarà una serata piacevole tra amici, di cui si parlerà un po' di tutto, dalla letteratura alle battute umoristiche. Claudio ha il grosso pregio che si interessa di molte cose e ha una mente davvero aperta. Io, Ferru, la mano al mio scrittore preferito l'ho già stretta, e mi sento fortunato. Cosa ne dici?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be' Claudio, spero di conoscerlo presto anch'io:-)

      Elimina
  3. Uhm. Tralasciando il fatto che probabilmente avrei una crisi di panico e rimarrei cristallizzata fino a metà della prima birra - fortunatamente reggo poco... - direi... Neil Gaiman, Diana Wynne Jones e il terzo è impossibile. Non ci riesco, troppe menti geniali e bizzarre tra cui scegliere. Sono combattuta soprattutto tra Dan Rhodes e Terry Pratchett.

    RispondiElimina
  4. uhhhhhh, Claudio spero di conoscerlo pure io prima o poi. E' venuto a Milano e l'ho mancato per un soffio .... vabbe', io sono una persona paziente [ma in che film? :-p ]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo ammetto, ho la fortuna di abitare a 20 minuti da lui.

      Elimina
    2. ecco allora quando lo vedi salutamelo e digli che lo aspetto a Milano per una presentazione :)

      Elimina
  5. Son sfortunato. Sono entrambi morti (Patrick O'Brian e Isaac Asimov) :(
    Ecco... però un aperitivo con Tullio Avoledo lo farei volentieri :)

    RispondiElimina
  6. Io voglio andare a prendere una birra con Dan Simmons

    RispondiElimina
  7. La lista è lunga... dovrei svenarmi a forza di offrire cene!

    Credo che così al volo direi Michael Moorcock, Kim Newman e Mary Gentle, tra i vivi.
    Oh, e Harlan Ellison!
    Tra i morti, Fritz Leiber, certamente.

    RispondiElimina
  8. Benché mi ispiri molto McCarthy, credo che sceglierei Palahniuk. Sono convinto che sarebbe un'esperienza molto divertente... ;)

    RispondiElimina
  9. Ce ne sarebbero tanti! Sopra hanno citato Bradbury, Gaiman e Pratchett... A questi aggiungerei King e Max Brooks. E sono già cinque, solo i primi che mi son venuti in mente!

    RispondiElimina
  10. Fra i papabili, forse quello che vorrei conoscere è proprio King. Una bevuta, due chiacchiere e magari un'occhiata alla sua libreria.
    Ma se davvero potessi scegliere, vorrei conoscere Lovecraft. Passare una giornata insieme a lui, nella soffitta in cui si chiudeva per scrivere, solo guardandolo all'opera e godere delle vibrazioni che ne verrebbero emanate.
    Un vero sogno...

    RispondiElimina
  11. Neil Gaiman, immancabile, Terry Pratchett e, anche se non so quanti di voi lo conoscano, Michael Scott, grandissimo esperto di mitologia, che è una delle cose che mi piacciono di più :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neil Gaiman sembra il più richiesto Domenico:-)

      Elimina
  12. Darei un rene per una serata di chiacchiere con Joe Lansdale.
    mandarino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah Giusy anch'io donerei qualche organo:-)

      Elimina
  13. Ce ne sarebbero a bizzeffe di scrittori con cui vorrei passare una giornata! Non so decidere. Anzi no, scelgo lo scrittore che mi ha iniziato alla lettura: Jules Verne.

    RispondiElimina
  14. Ce ne sono diversi, ma mi sentirei così terribilmente non all'altezza da rendere la cosa improponibile.
    Provo a immaginare: seduto di fronte a me c'é Milan Kundera. Magari fa un commento, una considerazione, e io cosa posso aggiungere alle sue parole? Gli chiedo se l'acqua la preferisce liscia o gassata? No, mi sentirei un nano stupido al cospetto di un gigante geniale.

    RispondiElimina
  15. Evitando i viaggi nel tempo (la lista si allungherebbe troppo) dico Paul Auster.

    RispondiElimina
  16. Lovecraft o Leiber indiscutibilmente.

    RispondiElimina
  17. Philip K. Dick; da sempre...

    RispondiElimina
  18. Su quelli morti ti risposi Poe.
    Adesso tanti... facciamo Clive Barker!

    RispondiElimina
  19. Prenderei volentieri un the con Terry Pratchett. Fra i deceduti, c'è una lista praticamente infinita! Al momento starei ugualmente sul the, con Lord Dunsany.

    RispondiElimina
  20. Un poco in ritardo.. ma questa domanda era troppo allettante x3

    Senza alcun dubbio: Douglas Adams ! Davvero. Purtroppo ci ha lasciati.. Ma se potessi scegliere con chi andare a cena, sarebbe proprio lui. Per cercare di cogliere un minimo della sua genialità, per ridere assieme ( sono convinta fosse una persona simpaticissima, non può che essere così uno che a scritto quel ben di Dio che è la saga della Guida Galattica per gli Autostoppisti! <3 ) e non farci paranoie sul significato della vita, l' universo, e tutto quanto :D

    McCarthy sicuramente rientra tra i primi tre, ad ogni modo!

    RispondiElimina