sabato 31 dicembre 2011

L'ultimo ultimo dell'anno

Da qualche giorno mi gira per casa uno strano personaggio, piccolo e bruno di carnagione. Indossa soltanto un perizoma in pelle di giaguaro e attorno ai capelli corvini ha un diadema sul quale spuntano delle penne di un uccello sconosciuto. 

Ha il corpo tutto dipinto e si porta appresso uno strano odore dolciastro e ride. 
Ride in continuazione e mangia. 

Si è accampato davanti al frigorifero e tutte le volte che ci passo accanto - a lui, non al frigorifero - si porta le mani alla bocca come per dirmi di offrirgli qualcosa da mangiare. Io cerco di far finta di nulla, ma lui ride, ride in continuazione.
E mangia.

È un Maya, un guerriero, figlio di dei e di stregoni e vuole un’intervista da postare sul mio blog.
Il motivo non lo so.
Ho accettato, naturalmente, anche perché non ho nulla da perdere, ma il dialogo che ne esce è poco più di qualche monosillabo. 
Capisce poco della nostra lingua:

Io: Allora, cosa ti devo chiedere: che libri hai letto quest’anno?
Maya: che mi frega dei libri, dimmi cosa fai oggi sul tardi?
Io: vorresti venire con me a festeggiare?
Maya: lo sai che è l’ultimo?
Io: certo che lo so!
Maya: no, intendo l’ultimo ultimo dell'anno.
Io: mica ci credo!
Maya: fossi in te ci crederei, l’anno prossimo con il c**** festeggiate (risata da bimbo minchia).
Io, ti riferisci alle profezie?
Maya: a che altro?
Io: continuo a non crederci.
Maya: divertiti stase… ehm la prossima notte.
Io: certo che mi divertirò.
Maya: io mi farò delle grasse risate.
Io: te se un baloss.
Maya: eh?
Io: hai capito, dài.
Maya (ride di nuovo): fallo davvero ragazzo la prossima notte.
Io: lo farò, vuoi venire con me? Così potrai vedere con i tuoi occhi.
Maya: perché no? Ma non ho soldi.
Io: non ci sono problemi, ho ancora qualcosa da spendere. Ci imbucheremo in qualche festa e faremo i disgraziati. Anzi se tra un anno tutto finisce come dici tu posso spendere e spandere come un nababbo.
Maya: hai qualche amica per me?
Io: ehi?
Maya: finirà anche per me.
Io: sì, però, porta qualcosa in cambio?
Maya: cosa?
Io: boh, vedi tu!
Maya: qualcosa di buono da fumare?
Io: ho smesso.
Maya: cacao?
Io: cacao?
Maya: mai provato?
Io: non è il mio forte, preferisco l’ovomaltina.
Maya: divertiti, è l’ultima volta che potrai festeggiare.
Io: spaccherò tutto.
Maya: certo e buon 2012 (e ride).
Io: ma torna nello Yucatan.

venerdì 30 dicembre 2011

Un anno di blog due

Avevo in mente di postare questo articolo domani, senza dubbio una data più consona. Ma per domani ho pronto una sensazionale intervista realizzata negli ultimi giorni che non può assolutamente passare inosservata, così il resoconto annuale esce un giorno prima.

Dunque, nel 2011 posterò, con questo odierno e con quello di domani, 402 articoli. Ho ricevuto 4.742 commenti senza considerare quelli che riceverò oggi e domani. Ho avuto, un aumento incredibile di contatti e sono sulla soglia dei 200.000 contatti totali, soglia che supererò verso metà gennaio suppongo (grande festa).

Ormai questi contatti sono sulla media di seicento al giorno e ogni visita rimane sul blog per quasi 5 minuti.
Numeri che mi rendono sempre più orgoglioso ed euforico.

Il post più visto, secondo le statistiche, è Buon Compleanno, seguito da Offerte di lavoro e Dove il buio è più buio solo la Morte prospera. Mentre quelli più commentati sono a pari merito Il primo scrittore che ti viene in mente e Prestare libri.

Be’ sono molto contento di come è andata e non so come fare a ringraziarvi, ma spero di avervi fatto divertire e di avervi regalato qualche minuto piacevole. Per me è stato un anno formidabile visto sia dalla parte di questo blog e visto dalla parte di quello che mi sta succedendo attorno, perciò augurarvi uno splendido 2012 è il minimo che possa fare.

Aaaauuuugggggguuuuurrrrrriiiiii gnocche e gnocchi <3

giovedì 29 dicembre 2011

Mai letto Neil Gaiman?

L’articolo con le sue dritte letterarie è stato senza dubbio e continua a esserlo uno dei post più letti e condivisi, e non solo di quest’ ultimo mese dell’anno. È diventato subito uno dei più letti di sempre. Capirete che diventa naturale a questo punto cercare di capire qualcosa di più riguardo a Neil Gaiman.

Non lo conosco per niente, lo confesso. Ho letto un unico libro della sua produzione, American gods e devo confessarvi che non ne sono rimasto molto soddisfatto. Pieno di spunti e di idee sia chiaro, ma un pochino pesante e noioso dal mero punto di vista narrativo.

Tuttavia la sua produzione è molto vasta. Ci sono romanzi, raccolte di racconti, libri per ragazzi e fumetti. C’è addirittura un saggio sui Duran Duran. Dunque con un po’ di impegno e fantasia un lettore interessato a conoscerlo non avrebbe di che lamentarsi.

E io non è che mi lamento e solo che in questo periodo ho altre priorità e quindi il buon Neil l’ho lasciato un po’ in disparte.

Non saprei consigliare nessuno. Posso segnalarvi una curiosità che lo riguarda relativa proprio alla scrittura di American gods ma devo fermarmi qui.

Passo a voi la palla. So per certo che si tratta di un autore apprezzato e molto seguito e di sicuro qualcuno in grado di fornire delle dritte esiste: con che libri bisogna cominciare in poche parole per conoscerlo?



mercoledì 28 dicembre 2011

Chiavi di ricerca meravigliose

Ci pensavo da qualche mese. Insomma l’idea di creare una pagina in facebook che potesse raccogliere tutte quelle strane e divertenti chiavi di ricerca che a volte la gente utilizza per giungere sul mio blog non è nata la notte scorsa. In realtà avevo già postato alcuni articoli anche sul mio blog contenenti qualche voce particolare. 

Poi, in Moon Base - uno dei gruppi che frequento su facebook - qualcuno ha pensato bene di redigere un documento inserendo all’interno tutte quelle voci che i vari blogger che lo bazzicano si trovano nelle statistiche e così essere spinto ad attraversare il mare e creare la pagina è stato come bere un caffè. 

Naturalmente la pagina è disponibile per tutti coloro che avendo un profilo facebook possiedono un blog o un sito web. La possono utilizzare già da subito. La pagina si chiama Chiavi di ricerca meravigliose. Potete visualizzarla anche utilizzando il badge che trovate sulla destra in alto del blog. Lo lascerò in quella posizione per qualche tempo.

Voi se lo desiderate non dovete fare altro che scrivere nella bacheca quella particolare voce, aggiungendo magari un’immagine di riferimento oppure un video o qualcosa che si ricollega a essa. Inutile proporvi di diventare fan cliccando Mi Piace sulla pagina  ne sarei molto felice. Come sarei felice se mi aiutate a farla crescere.

martedì 27 dicembre 2011

Consigli di Ennio Flaiano a un giovane analfabeta

Anche per oggi ho scelto postare dei preziosi consigli letterari suggeriti dall’ Archivio Caltari, benché questa volta si tratti di consigli un pochino particolari e irriverenti. 

È Ennio Flaviano, scrittore, umorista e critico cinematografico, a fornire delle diritte utili per un giovane analfabeta che vuol darsi alla letteratura attratto dal numero dei premi letterari. 
Un modo simpatico e divertente per affrontare con brillantezza le grane della letteratura.

Chi apre il periodo, lo chiuda.
È pericoloso sporgersi dal capitolo.
Cedete il condizionale alle persone anziane, alle donne e agli invalidi.
Lasciate l’avverbio dove vorreste trovarlo.
Chi tocca l’apostrofo muore.
Abolito l’articolo, non si accettano reclami.
La persona educata non sputa sul componimento.
Non usare l’esclamativo dopo le 22.
Non si risponde degli aggettivi incustoditi.
Per gli anacoluti, servirsi del cestino.
Tenere i soggetti al guinzaglio.
Non calpestare le metafore.
I punti di sospensione si pagano a parte.
Non usare le sdrucciole se la strada è bagnata.
Per le rime rivolgersi al portiere.
L’uso del dialetto è vietato ai minori di 16 anni.
È vietato servirsi del sonetto durante le fermate.
È vietato aprire le parentesi durante la corsa.
Nulla è dovuto al poeta per il recapito.

lunedì 26 dicembre 2011

La deriva horror del noir milanese.

Un evento in programma mercoledì 28 dicembre 2011 dal titolo La deriva horror del noir milanese. Si terrà a partire dalle ore 19 di al Sciapò Café di via Borsieri 34 (zona Isola-p.le Lagosta) Si parlerà di leggende urbane meneghine, ma soprattutto della raccolta In questo libro c’è il diavolo di Luca Ducceschi.


Un sentiero di morte che sfiora orrori immaginari quali streghe, demoni e vampiri, ma anche orrori reali come i fantasmi di una mente malata, la solitudine in una casa di riposo, la violenza di stato. Nove racconti, nove sussurri, nove coltellate nella schiena, rossi come il sangue e neri come la paura. Una paura che spesso non è solo "là fuori", ma anche dentro di noi. Una guerra in cui non ci sono vincitori né vinti e la redenzione, forse, è lontana. Perché in questo libro c'è il diavolo.

Luca Ducceschi è di Sesto San Giovanni, classe 1977.
Da sempre l'amore per la scrittura fa parte della sua vita, figlio di un ancora più grande amore per la lettura. Il frutto di questo innamoramento è stato una mole notevole di romanzi, racconti e deliri letterari di vario tipo, prodotti sin dalla prima adolescenza.
Forse per pigrizia, ma più probabilmente per non disturbare il mondo dei lettori, i suoi lavori sono rimasti a lungo chiusi in un cassetto (metaforico, come tutti gli hard-disk). Soltanto di recente, in occasione di notevoli cambiamenti esistenziali (di quelli che piangono la notte e cagano nei pannolini), Luca ha deciso di aprire quel cassetto, imparando così una lezione molto importante: che nella scrittura la fretta non paga.

sabato 24 dicembre 2011

Secondo contest scrittori western

Notizia fresca fresca che gli scrittori appassionati di western non possono ignorare. Ha preso il via il secondo contest di narrativa riservata agli scrittori western organizzato sul sito di Farwest.it

Il contest è riservato a chiunque abbia desiderio di scrivere un breve racconto western ed è finalizzato alla pubblicazione di un eBook in formato "ePub" e "Pdf", scaricabile gratuitamente dal sito. 

L'intera iniziativa è senza scopo di lucro e non sono ammesse pubblicità, scambi di link o qualunque altra cosa che smuova un solo soldo dalla tasca di chicchessia. La scelta dei racconti da pubblicare spetta esclusivamente allo staff di Farwest.it e non è sindacabile.
Le regole per partecipare sono un po' più stringenti dello scorso anno e le trovate elencate di seguito.

Testo in carattere Times New Roman.
- Dimensione carattere a 12 pt.
- Formato foglio: A4, margini: quelli standard di Word.
- Titolo centrato in grassetto, sopra il titolo il nome-cognome dell'autore anch'esso in grassetto.
- Giustificazione a sinistra.
- Se si è abituati a isolare i paragrafi con segni grafici, usare i tre asterischi centrati e distanziati da uno spazio uno con l'altro: * * * e lasciare una riga di spazio sopra e sotto.
- Interlinea 1,5 pt.
- Il racconto non dovrebbe superare le 15 pagine formattate secondo i criteri appena elencati.- Un solo racconto per autore.
- Breve biografia dell'autore in appendice al racconto: in prima persona, nome-cognome in grassetto anteposto al testo della biografia; max 20 righe. Formattazione uguale a quella per il racconto.
Esempio: "Tizio Caio Sono nato a ABC e vivo a DEF. Studio/lavoro/mi occupo di ecc. ecc."

I lavori devono essere consegnati entro il 31-1-2012

venerdì 23 dicembre 2011

Natale in bianco

Non si scappa. Le previsioni non danno speranza. Un Natale senza neve. Be’ se non ricordo male era parecchio che non accadeva. Almeno fa freddo, anche se con la neve sarebbe stato tutto un altro spettacolo. 

Lo potete vedere da soli, d’altro canto, scorrendo le foto. C’è qualcosa in alto sulle cime, ma per il resto il mondo è brullo.

Insomma proprio un Natale in bianco.






giovedì 22 dicembre 2011

Libri per Natale

Lo faccio adesso, ma non credo che tornerò a farlo in un altro periodo, però visto che di solito nel periodo natalizio la gente acquista libri, perché non segnalare una classifica in grado magari di fornire un piccolo suggerimento

La classifica è presa dal blog di Panorama ed è relativa alla settimana appena trascorsa. Scorretela, ma fate attenzione, in fondo ci sono anche alcuni miei consigli.

I cinque libri più venduti in assoluto:
1) Fabio Volo, Le prime luci del mattino (Mondadori)
2) Faletti, Tre atti e due tempi (Einaudi)
3) Litizzetto - Valeri, L’educazione delle fanciulle (Einaudi)
4) Rossi, La versione di Vasco (Chiarelettere)
5) Mazzantini, Mare al mattino (Einaudi)

Narrativa italiana
1) Fabio Volo, Le prime luci del mattino (Mondadori)
2) Faletti, Tre atti e due tempi (Rizzoli)
3) Mazzantini, Mare al mattino (Einaudi)

Narrativa straniera
1) Paolini, Inheritance. L’eredità (Rizzoli)
2) Swan, Un diamante da Tiffany (Newton Compton)
3) Allende, Il quaderno di Maya (Feltrinelli)

Saggistica
1) Littizzetto - Valeri, L’educazione delle fanciulle (Einaudi)
2) Rossi, La versione di Vasco (Chiarelettere)
3) Isaacson, Steve Jobs (Mondadori)

Ecco. Io, non so neppure di cosa si stia parlando. Fossi in voi mi orienterei sui classici ma aggiungo l'offerta sul catalogo di Edizioni XII e i libri di due amici: Il mercante di libri maledetti di Marcello Simoni e Tre volte all’inferno di Christian Borghetti.
Se però volete segnalarne qualcuno anche voi, magari il vostro, non dovete fare altro che aggiungerlo in un commento.

mercoledì 21 dicembre 2011

Extra Large di Edizioni XII

Be’ dopo aver parlato dei libri di Amazon e aver avuto l’onore di postare le previsioni zodiacali per blogger e scrittori dalla viva penna di un amico, è la volta di una segnalazione d’obbligo in vista di queste giornate natalizie: un’iniziativa però che si protrarrà anche con l’anno nuovo.

Insomma la casa editrice Edizioni XII, con l'avvicinarsi delle feste, quest'anno, ha deciso di fare le cose in grande e diventa Extra Large!

Già! Da qualche giorno, infatti, e fino al 15 gennaio 2012 è possibile partecipare all'offerta più "grande" del web e acquistando di due libri di Edizioni XII (esclusi gli eBook) del catalogo online si riceverà in omaggio il XII Extralarge Kit, composto da:

- un eBook Edizioni XII a scelta;
- un taccuino XII;
- la XII Extralarge Card - nominativa.

La XII Extralarge Card sarà inviata via mail in formato jpeg e darà diritto all'acquisto con sconto del 10% di qualsiasi titolo del catalogo Edizioni XII per sei mesi dalla data di ricezione.

Per utilizzarla non si dovrà fare altro che scrivere il codice personale nell'ordine fatto tramite il nostro eshop (anche su Facebook) o inviato all'indirizzo ordini@xii-online.com.
Naturalmente per informazioni o chiarimenti non esitate a contattare la casa editrice scrivendo a info@xii-online.com.

Ma non perdere l'occasione di passare delle feste Extra Large con i libri di Edizioni XII.

martedì 20 dicembre 2011

Oroscopo 2012 per blogger e scrittori

Ecco il primo Guest Post del mio blog. Spero sia di vostro gradimento. 
D’altro canto una previsione astrologica del nuovo anno realizzata per me da un prezioso amico come Jennaro non può che essere propositiva, ci crediate o meno. 
Il suo Oroscopo Napoletano è davvero irresistibile, ma trovate molte curiose informazioni anche nel forum del suo sito Blogantropo.
Be’ non aggiungo altro se non  un grosso  ringraziamento nei suoi confronti e vi lascio alle sue considerazioni astrologiche

Come promesso a Ferruccio, ecco in breve oroscopo con un resoconto delle influenze astrali che agiscono sulle attività intellettuali di scrittori, poeti e artisti della penna durante l'anno 2012
Naturalmente,

jie nun songo 'nu maestro d'a grammatica, nun 'a saccio chest'arte. Mme lusingo sulo a scrivere ll'oroscopo. E si 'a penna vosta è 'a masto 'e tutte 'e penne, jie poso chesta mia, ve guardo e me scappello. Però, permettetemi n'impertinenza: 'e pparole voste restano azzeccate 'ncoppo 'o foglio, ca me pare quase ca stanno carcerate. L'oroscopo mio invece, quanno 'o leggite, se move, frìccica e ve fa cunzulà...

Ciascun narratore, poeta o scrittore, ha un talento unico che ama condividere con il mondo. Per farlo però, a volte occorre molto coraggio e non è facile per nessuno. Alcuni accettano questo e iniziano a scrivere. Altri, invece, preferiscono non affrontare la persona che hanno dentro di loro, nonostante muoia dalla voglia di uscire. Essere artista, insomma, vuol dire semplicemente non assopire la propria vita.
Sicuramente, le caratteristiche dei pianeti che più hanno un ruolo fondamentale nella vita di uno scrittore, oltre la fortuna di Giove, sono senz'altro il coraggio e l'energia di Marte e l'intelligenza, l'astuzia, e la capacità di ragionamento di Mercurio. Così che per un romanziere, Marte rappresenta la penna e Mercurio l'inchiostro. Se vi era una relazione tra questi tre pianeti e il vostro segno, alla vostra data di nascita, allora avrete un sicuro successo nella vostra professione.


Ariete(20 marzo ~ 19 aprile)
Aperti e pieni di entusiasmo, i romanzieri del segno dell'Ariete sono persone schiette e molto attente nello scrivere. Intellettuali più che spirituali, non amano sprecare tempo ed energie con giri di parole, ma puntano dritti al sodo dicendo le cose come sono. Per voi, il 2012 è portatore di molte risorse, con Giove, che nei primi di gennaio, dalla costellazione dei Pesci entra nell' Ariete per restarci fino a giugno. Successivamente anche Mercurio ci entrerà il 2 di marzo. Fate un poco di attenzione all'inizio dell'anno. La causa è un Marte che si muove in moto retrogrado. Jennaro propone di approfittare di queste giornate per prendervi una pausa e rafforzare alcuni aspetti della vostra vita.
Scrittori famosi segno ariete: Christopher Hitchens, 13 aprile 1949; Edmond Rostand, 1 aprile 1868; Eugenio Scalfari, 6 aprile 1924; Leonardo da Vinci, 15 aprile 1452; Robert Frost, 26 marzo 1874; Samuel Beckett, 13 aprile 1906.

Toro: (20 aprile ~ 20 maggio)
Attraverso i suoi raffinati elaborati, il pratico Toro riesce a manifestare con sorprendente passione i propri sentimenti. Questo perché non può sottrarsi agli influssi della dea Venere che rende romantica la sua stilo. Gli scrittori nati sotto il segno del Toro hanno l'attitudine a pianificare i loro componimenti e generalmente li portano a termine. Se poi si trovano davanti ad una valida idea, se ne impossessano facendola propria, come fosse una loro creazione. Il Toro è una persona molto sensuale, per cui probabilmente la lussuria è la componente più intensa nei suoi testi. Per voi artisti di questo segno, nel 2012 continua il buon lavoro fatto fino a giugno. Fate attenzione dall'inizio di luglio ad agosto. In questo periodo, un vostro manoscritto potrebbe incorrere in qualche offesa alle autorità oppure andare contro una norma o un regolamento. Jennaro pensa che settembre sia un ottimo mese per voi. Ma ricordate che il successo arriva sempre dopo un lungo e duro lavoro. A fine anno, la vostra perseveranza sarà ben supportata dalla fortuna.
Scrittori famosi segno Toro: Charlotte Bronte, 21 aprile 1816; Indro Montanelli, 22 aprile 1909; Karl Marx, 5 maggio 1818; Niccolò Machiavelli, 3 maggio 1469; Thomas Pynchon, 8 maggio 1937; William Shakespeare, 23 aprile 1564.

Gemelli: (21 maggio ~ 20 giugno)
L'artista Gemelli è generalmente una persona socievole e di buona compagnia. La sua mente non è mai stanca e grazie a un acuto intuito riesce a comprendere le cose in modo rapido.
È un autore a cui piace comunicare con buon senso. Nei suoi scritti non mancano umorismo e brillanti versi. Come Faust, il Gemelli, sembra non invecchiare mai, sia fisicamente che mentalmente. Spesso si comporta come fosse adolescente, quasi avesse fatto un patto di eterna giovinezza. Rimane comunque quel buon amico a cui poter chiedere mille consigli. Ecco perché il 2012 è un anno fortunato per le penne dei Gemelli, anche per quanto riguarda il lato venale. Giove è in buon aspetto con voi, per cui, in questo periodo potrete beneficiare di un poco della sua fortuna. Jennaro è sicuro che otterrete buoni risultati se avete candidato una vostra opera ad un concorso.
Scrittori famosi segno Gemelli: Aleksandr Pushkin, 6 giugno 1799; Arthur Conan Doyle, 22 maggio 1859; Federico Garcìa Lorca, 5 giugno 1898; Ian Fleming, 28 maggio 1908; Thomas Mann, 6 giugno 1875; Walt Whitman, 31 maggio 1819.

Cancro: (21 giugno ~ 22 luglio)
Gli intellettuali nati sotto il segno del cancro sono delle persone molto sensibili, anche se fanno di tutto per non darlo a vedere. Sanno essere molto creativi ed hanno una fantasia meravigliosa con cui riescono a esprimere tutto il loro talento. Molto spesso però, al Cancro riesce difficile comunicare la sua natura artistica e sensibile a causa delle sue ansie che lo portano a frequenti cambiamenti di umore. Questa innata caratteristica viene accentuata dalla mutevole Luna, il suo pianeta dominante. Per il 2012, Jennaro consiglia di non avventurarvi in un soggetto senza aver prima condotto una ricerca approfondita sull'argomento.
Scrittori famosi segno Cancro: Ernest Hemingway, 21 luglio 1899; Franz Kafka, 3 luglio 1883; George Orwell, 25 giugno 1903; George Sand, 1 luglio 1804; Marcel Proust, 10 luglio 1871; Oriana Fallaci, 29 giugno 1929.

Leone: (23 luglio ~ 22 agosto)
Essendo un mecenate delle arti, la vostra passione per la letteratura è ineguagliabile. Generalmente, lo scrittore Leone si esprime con stile licenzioso e senza alcuna inibizione. L'amore per lui è il motore dell'universo. A volte, quando si sente un artista incompreso, si amplifica il piacere di descrivere i diversi drammi del palcoscenico della vita, narrando una storia d'amore in modo spettacolare e drammatico, proprio come cantavano gli antichi trovatori. In questo 2012, un’ondata di entusiasmo vi arde e vi ispira a fare un salto nel buio. Il coraggioso Marte si muove nella vostra nona casa ispirando l'avventura e suscitando la vostra voglia di nuovi orizzonti. Dal 10 di gennaio e fino a giugno, si aprono le possibilità di poter fare un viaggio entusiasmante verso nuove destinazioni. Per voi si aprono le porte dell'editoria, pubblicità e promozioni. Jennaro dice di seguire le vostre passioni e fidarvi del vostro istinto.
Scrittori famosi segno Leone: Alexandre Dumas (padre e figlio), 24 luglio 1802 e 27 luglio 1824; Dorothy Parker, 22 agosto 1893; Enzo Biagi, 9 agosto 1920; Francis Scott Key, 1 agosto 1779; George Bernard Shaw, 26 luglio 1856; Salvatore Quasimodo, 20 agosto 1901.

Vergine: (23 agosto ~ 22 settembre)
Come da segno zodiacale, la Vergine è un personaggio pieno di contraddizioni, forse, insieme al Capricorno sono gli artisti più strani dello zodiaco. Lo scrittore Vergine è critico e molto esigente. La sua straordinaria capacità di cogliere i difetti lo rende molto selettivo e nonostante la paura di essere coinvolto in una situazione che non può controllare, di fronte agli ostacoli riesce ad essere razionale e lavora per trovare una soluzione piuttosto che perdere la calma. Questo suo essere pragmatico a volte lo porta ad apparire come freddo e calcolatore. Oggi, si può dire che durante questi ultimi mesi, voi poligrafi della Vergine vi state rendendo conto che la maggior parte del vostro lavoro lo state facendo come da dietro le quinte. Jennaro pensa che il primo mese del 2012 non è ancora il momento giusto di mostrare o rendere pubblico ciò che state scrivendo. Lasciate che sia febbraio a condividere il vostro estro, quando finalmente Marte si muove nel vostro segno. Anche Mercurio, il vostro pianeta dominante, sta per arrivare in vostro soccorso. Questo vi renderà il lavoro meno gravoso. Nel frattempo stringete i pugni e lasciatevi motivare dalla vostra fantasia o il vostro pi˘ profondo io spirituale.
Scrittori famosi segno Vergine: Agatha Christie, 15 settembre 1890; Cesare Pavese, 9 settembre 1908; Johann Wolfgang von Goethe, 28 agosto 1749; Lev Tolstoj, 28 agosto 1828; Ludovico Ariosto, 8 settembre 1474; Stephen King, 21 settembre 1947.

Bilancia: (23 settembre ~ 22 ottobre)
E' la bellezza di Venere che si prende cura di voi e vi induce a scrivere in modo raffinato. Una combinazione molto interessante tra ingegno e sensibilità, dove per metà è sensuale e sentimentale, e l'altra razionale. L'artista Bilancia non disdegna di ricevere anche apprezzamenti o complimenti, mentre odia il conformismo. Ama vivere nella comodità e circondarsi di cose belle, fino a una propensione al lusso. Anche se il 2012 è un anno favorevole per la creazione di un percorso indipendente in cui esprimere la propria identità, in primavera troverete stimolante l'ispirazione di alcuni amici e colleghi che condividono interessi simili ai vostri. A maggio, invece, ci troveremo tutti quanti nel bel mezzo tra Saturno e il Sole. Questa, che si chiama opposizione di saturno, di per sé non è una condizione negativa, ma voi della Bilancia avete un Marte retrogrado che si allontana. Ciò potrebbe causare un rallentamento delle vostre attività fino a settembre, ritorno previsto del Pianeta Rosso nella vostra area zodiacale. Jennaro Ë sicuro che riuscirete a capovolgere questo periodo di stasi, promuovendo iniziative in appoggio a sostenitori delle pari opportunità per tutti, dei diritti umani e della giustizia.
Scrittori famosi segno Bilancia: Arthur Miller, 17 ottobre 1915; Friedrich Nietzsche, 15 ottobre 1844; Italo Calvino, 15 ottobre 1923; Miguel de Cervantes, 29 settembre 1547; Oscar Wilde, 16 ottobre 1854; Thomas Wolfe, 3 ottobre 1900.

Scorpione: (23 ottobre ~ 22 novembre)
Leggende e dicerie, dicono che lo Scorpione sia il segno pi˘ controverso dello zodiaco. Una variabile tra passioni, emozioni, fantasia e creatività. Infatti, senza passione nella sua vita può sentirsi davvero infelice. Governato da Plutone, lo Scorpione Ë considerato uno scrittore di successo. Meticoloso, quasi nulla sfugge alla sua attenzione. Mentre il difetto più tragico Ë il suo immenso orgoglio. In genere, lo scrittore del segno dello Scorpione mostra poco interesse alle critiche negative che gli vengono rivolte, a cui risponde in modo irritato, a volte anche con insulti, senza badare minimamente alle conseguenze. Durante l'anno 2012, Urano armonizza l'inventiva, suggerendo che la creatività e la flessibilità saranno la chiave di un cambiamento positivo. Nel mese di settembre, Saturno passerà nel vostro segno annunciando una fantastica rinascita. Nel frattempo, Jennaro propone di portare a termine i progetti che avete già iniziato piuttosto che cercare di cominciarne nuovi.
Scrittori famosi segno Scorpione: Clifford Irving, 5 novembre 1930; Dacia Maraini, 13 novembre 1936; Ezra Pound, 30 Ottobre 1885; Fedor Dostoevskij, 11 novembre 1821; George Eliot, 22 novembre 1819; Voltaire, 21 novembre 1694.

Sagittario: (23 novembre ~ 21 dicembre)
La tradizione vuole che il glifo del Sagittario raffiguri il saggio Chirone, il Centauro filosofo e insegnante nella mitologia greca, il cui simbolo, metà uomo e metà cavallo, rappresenta il conflitto tra la mente filosofica e l'istinto carnale della natura umana. I Sagittari sono scrittori versatili, avventurosi e desiderosi di ampliare la propria gamma del sapere. Giove li rende dei pensatori intuitivi ed originali e le loro menti sono continuamente alla ricerca di nuove esperienze. Per il 2012, dal momento che Marte, il pianeta più forte e più favorevole dello zodiaco si trova nella vostra casa della carriera e professione, Ë possibile che vi arrivino delle buone proposte e la maggior parte di voi utilizzerà il massimo queste opportunità. Per voi, Jennaro prevede un sacco di soldi, fama e riconoscimenti.
Scrittori famosi segno Sagittario: Carlo Levi, 29 novembre 1902; Emily Dickinson, 10 dicembre 1830; Gustave Flaubert, 12 dicembre 1821; Louisa May Alcott, 29 novembre 1832; Mark Twain, 30 novembre 1835; Susanna Tamaro, 12 dicembre 1957.

Capricorno: (22 dicembre ~ 20 gennaio)
Questo Ë un segno erudito e intellettuale che riesce a generare filosofi e profondi pensatori. C'è da dire però che le persone del Capricorno riescono ed applicarsi con buoni risultati anche nelle cose pratiche. Il motto del Capricorno Ë lavorare. Egli ha un grande senso di responsabilità e lotta per arrivare al successo. Gli scrittori nati sotto questo segno mirano a stabilire obiettivi definiti e non si danno pace finché non li avranno raggiunti. Grazie alla loro abilità nel dibattito riescono ad essere politici eccellenti e buoni insegnanti. Spesso però protendono al pessimismo. L'influenza di Saturno li porta ed essere diffidenti e sospettosi verso altri, comportandosi come se si sentissero perennemente sotto controllo. Jennaro crede che oggi vi sia tutto il potenziale per cambiare in meglio la vostra vita. Ma dovete essere pronti per la sfida. La vostra carriera sarà il vostro obiettivo principale del 2012. Nei prossimi mesi vi imbatterete in alcuni cambiamenti inattesi che all'inizio possono sembrare frustranti, ma che nel lungo periodo sapranno portarvi dei benefici anche di natura economica.
Scrittori famosi segno Capricorno: Edgar Allan Poe, 19 gennaio 1809; Giovanni Pascoli, 31 dicembre 1885; Jack London, John Griffith Chaney; 12 gennaio 1876; Marco Tullio Cicerone, 3 gennaio 106 a.C.; Rudyard Kipling, 30 dicembre 1865: Umberto Eco, 5 gennaio 1932.

Acquario: (gennaio ~ 19 febbraio)
Spesso gli scrittori Acquario riescono a comporre i loro saggi migliori quando sono soli. Questo non perché siano persone strane, ma la solitudine Ë per loro un momento di concentrazione, dove poter partorire in piena distensione nuove idee. Il pianeta dominante Ë Urano, il quale rappresenta la creatività, ingegno e intuizione, ma anche l'indipendenza. L'influsso di Urano li influenza anche a livello intellettuale, provvedendo a rifornirli di ricordi utili per la stesura dei loro lavori. L'Acquario, inoltre, viene riconosciuto anche come un segno di magnanimità. Ciò perché molti dei nati sotto questo segno dedicano la loro vita a profondi ideali, intraprendendo grandi missioni e facendosi promotori di azioni umanitarie. Per voi le stelle sono abbastanza favorevoli a partire già dai primi mesi del 2012, periodo in cui riuscirete a vedere i vostri obiettivi e finalità sotto una luce più chiara, sopratutto, Jennaro Ë sicuro che ci sarà molto lavoro sulla vostra scrivania.
Scrittori famosi segno Acquario: Bertolt Brecht, 10 febbraio 1898; Boris Leonidovic Pasternak, 10 febbraio 1890; Giuseppe Ungaretti, 10 febbraio 1888; Jacques PrÈvert, 4 febbraio 1900; Jules Verne, 8 febbraio 1828; Virginia Woolf, 25 gennaio 1882.

Pesci: (20 febbraio ~ 19 marzo)
In tutte le sue forme, l'arte della scrittura è l'espressione di una natura creativa dell'uomo ed è facilmente riscontrabile nei Pesci. Tutte le persone nate sotto questo segno sono dotate di un innato talento artistico. In alcuni individui non viene sfruttato ed Ë dormiente. In altri invece viene utilizzato in modi differenti, da artigiani a poeti, da fotografi a musicisti. Il loro pianeta dominante è Nettuno, simbolo di fantasia, dei sogni e le illusioni. Si dice che il trovatore innamorato della sua donna non morirà finché al mondo ci saranno poeti Pesci. Il 2012 Ë un periodo molto fortunato per gli scrittori di questo segno, già a partire dai primi mesi dell'anno. Il successo dei vostri lavori arriverà all'inizio della seconda metà, quando Nettuno, retrogrado nel vostro segno, si trova in trigono a Mercurio. Per cui, Jennaro Ë sicuro che da giugno in poi, comincerete ad assaporare il gusto del successo, uno dopo l'altro.
Scrittori famosi segno Pesci: Alessandro Manzoni, 7 marzo 1785; Carlo Goldoni, 25 febbraio 1707; Gabriel Garcia Marquez, 6 marzo 1928; Gabriele d'Annunzio, 12 marzo 1863; John Steinbeck, 27 febbraio 1902; Victor Hugo, 26 febbraio 1802.

lunedì 19 dicembre 2011

Il libro più venduto del 2011

È giunto il momento di cominciare con i post tormentoni di fine anno. Giusto, no? Sono lì pronti per partire, d’altro canto è successo anche l’anno scorso questa tiritera: il miglior disco, il miglior film, ma state tranquilli sono tutte cose che richiedo a voi.

Io, per il momento, mi limito a segnalare quello che secondo Amazon, leader nello store on-line, si appresta a essere il libro più venduto dell’anno 2011, insomma un qualcosa che posso anche inserire nei primati letterari, in modo tale da sistemare anche questo lunedì.

Allora, la storia è questa, sfogliando i cataloghi dei libri si può così constatare come al primo posto dei best-seller del 2011 ci sia il libro che racconta la vita di Jobs. Il padre dell’iPhone e di tutte le altre diavolerie targate dalla mela morsicata si piazza al primo posto con la sua biografia ufficiale, sia in versione cartecea che digitale.

Il libro scritto da Walter Isaacson - scrittore, giornalista, nonché amministrato delegato e presidente della Aspen Institute - la biografia di Steve è sicuramente un libro interessante da leggere sia per gli appassionati della mela morsicata, ma anche per tutti coloro e adorano questi personaggi che si fanno da soli. 
La biografia di un uomo che ha saputo guadagnarsi  le copertine di Time e di altre riviste, oltre ad aver creato uno dei più grandi imperi HT dei giorni nostri.

Non è quello che comprereste voi?

domenica 18 dicembre 2011

Le regole di scrittura di Neil Gaiman

Devo ringraziare Gian per queste informazioni. L'altro giorno con un messaggio di posta elettronica mi ha segnalato questo sito: Archivio Caltari. Molto utile. 

Be’ non venite a dire che gli amici non sono importanti e non contano nulla. :-)
In ogni caso nel sito ci sono delle belle informazioni sui consigli di scrittura redatti da diversi scrittori. 

Stamattina parto con l'elencare i consigli di Neil Gaiman, l'autore di American Gods e Nessun dove, ma nelle prossime settimane ne arriveranno altre. 
Be’ non male ☺

Scrivi.

Metti una parola dietro l’altra. Trova la parola giusta, scrivila.

Finisci ciò che stai scrivendo. Anche se hai altro da fare, finisci, finisci.

Mettilo da parte. Poi leggilo facendo finta di non averlo mai letto prima. Fallo vedere ad amici di cui rispetti il giudizio e a cui piacciono cose del genere.

Ricordati: quando qualcuno ti dice che qualcosa non va o a suo parere non funziona, ha quasi sempre ragione. Quando ti dice esattamente cos’è che non va secondo lui e come dovresti aggiustarlo, ha quasi sempre torto.

Aggiusta ciò che hai scritto. Ricorda che affinché tu possa eventualmente raggiungere la perfezione, dovrai lasciar stare, passare ad altro, cominciare a scrivere un’altra cosa. La perfezione è come inseguire l’orizzonte. Non smettere mai di muoverti.

Ridi delle tue battute.

La regola principale della scrittura è che, se hai abbastanza sicurezza e fiducia, puoi fare tutto quello che ti pare. (Questa potrebbe essere una regola sia per la vita che per la scrittura. Ma per la scrittura funziona davvero.)

Quindi scrivi la tua storia come deve essere scritta. Scrivila onestamente e raccontala il meglio possibile.

sabato 17 dicembre 2011

Mai letto Joe. R. Lansdale?

La tentazione è quella di dirvi subito da che libri partirei a leggerlo io, ma se lo scrivo all’istante come faccio a superare le duecento parole e a sperare che voi andiate avanti a consultare l’articolo? Quindi, dovete portare pazienza e fingere che siete interessati e ascoltare la storia della rava e della fava e sapere che il primo libro dell’autore texano che mi è capitato tra le mani è Freddo a luglio.  
Mi era piaciuto e avevo fatto pure una recensione sul mio blog per la rubrica - rubrica abbandona - un calendario particolare.

Però, non inizierei da quello. Non comincerei neppure dalla Notte del driven-in e neppure prenderei in considerazione una delle avventure di Hap e Leonard. No. Il mio consiglio va a due libri in particolare. Una raccolta di racconti e un romanzo di formazione.

La raccolta di racconti è Maneggiare con cura. Be’ io vi consiglio proprio di recuperalo e leggerlo. C’è il Landsale che preferisco: quello divertente, quello irriverente, quello sadico, quello cattivo, ma anche quello malinconico e disperato. Insomma una lettura con i fiocchi che non vi annoierà.

Ma se questo ancora non dovesse bastare allora fate un salto in avanti e leggete In fondo alla palude. Un romanzo di formazione straordinario, non dico balle, vi potrebbe anche commuovere.

venerdì 16 dicembre 2011

Timeline di Facebook

Articolo OT un pochino diverso dal solito, ma non ho resistito alla tentazione di postarlo, come non ho tergiversato ieri nell’aggiornare il profilo con la nuova timeline di facebook.

Non ho cincischiato, non ci ho pensato due volte e devo dire che mi sono divertito come un bambino.

Be’ era attesa e dopo qualche mese di falsi allarmi, il fatidico giorno è arrivato. Giorno in cui Facebook ha finalmente reso pubblica la sua nuova interfaccia che trasforma il profilo utente nella storia interattiva della tua vita.
Non ho faticato ad attivarla. Sono andato nella pagina del centro assistenza, ho inserito la stringa di ricerca Timeline e voilà nel giro di qualche minuto mi sono trovato catapultato in una versione preventiva della nuova interfaccia, con le tradizionali sezioni di Facebook completamente scompaginate.

In primo piano, oltre alla foto del profilo, ci sono le informazioni, non fate fatica a muovervi; mentre a sinistra appaiono dei thumbnails relativi alle foto, ai contenuti su cui avete cliccato “mi piace”, gli amici, i gruppi a cui siete iscritti e via di seguito, ma l’elemento più rilevante dell’intero ambaradan è di sicuro la cover, un’immagine che verrà utilizzata come sfondo per la parte più visibile della tua Timeline.

Gran parte della pagina è occupata dallo stream centrale, una sorta di linea temporale dove vengono elencate tutte le attività, dalla data di nascita al momento corrente.
Ora si può scorrere indietro e la linea del tempo e tutti i momenti più importanti o più significative. Neanche fosse un libro di storia e io un personaggio famoso, anche perché facebook fa di tutto per sussurartelo nelle orecchie.


Fatto anche voi?

giovedì 15 dicembre 2011

Natale e libri

L’elenco dei libri che leggerete di seguito non è affatto composto dai titoli dei romanzi che io consiglio di acquistare per il prossimo Natale (ormai è qui, se non sbaglio) - riguardo a questo, penso di fare un post specifico nei prossimi giorni.

Nessuna strenna e nessun regalo quindi, mi è solo passato per la mente di provare a menzionare i titoli dei romanzi e dei racconti che hanno a che fare con Natale. Ho messo quelli che mi sono venuti in mente e non ci sono tutti ovvio. 

Chissà quanto ce ne sono ancora e chissà quanti ne devo ancora leggere perché tra questi ne ho letti soltanto tre.

Il Natale di Poirot di Agatha Christie
Visi noti, sentimenti confusi di Botho Strauss
Un Natale di Maigret di Georges Simenon
Black Christmas di Alphonse Allais
Racconto di Natale di Dino Buzzati in Sessanta racconti
Natale di morte di Rex Stout
Cinque racconti di Natale di Charles Dickens
Vacanze di Natale di William Somerset Maugham
Il Natale del 1833 di Mario Pomilio
Storielle di Natale di Emilio De Marchi
Il lungo pranzo di Natale di Thornton Wilder
Favole di Natale di Giovanni Guareschi
Nicht nur zur Weihnachtszeit (Tutti i giorni Natale), racconto di Heinrich Böll
L’allodola e il cinghiale di Nico Orengo
L’utopia del Natale di Raffaele Crovi

Ecco non ne ho trovato altri, ma se volete aggiungere ben venga e raccomando citatemi quelli che avete letto.

mercoledì 14 dicembre 2011

La farsa della grande corsa estiva

Periodo complicatissimo, troppe cose da fare e mica è semplice riuscire a fare tutto. Be’ che volete sotto le feste è quasi sempre così, speriamo di riuscire a rilassarsi un attimino tra qualche giorno. 
Ora visto il successo ottenuto domenica, e visto che non sono ancora riuscito a sistemare alcuni articoli che aveva in mente di postare, ne approfitto per presentare un vecchio racconto. Un racconto scritto il giorno del mio compleanno di due anni fa. Una storia senza pretese (sarà poi vero?), che ha a che fare, almeno sino a un certo punto, con le mie passioni infantili. 
Una parodia? 
Un semplice divertissement
Beh, una vostra lettura e un vostro commento sarebbero molto graditi.



tolto

martedì 13 dicembre 2011

Prestare libri

Ieri sera ho prestato dei libri a una persona. Li ho dati in mano a un mio cugino per la precisione. Romanzi. Lui adora la Allende e Corona ( Mauro, non Fabrizio) e non so se ho centrato l’obiettivo. Boh. 

Gli ho passato La strada di McCarthy, In Patagonia di Bruce Chatwin e Il mercante di libri maledetti di Marcello Simoni, tanto li ho letti tutti e tre. Be’ non lo facevo da un sacco di tempo. Quello di prestare libri, mica di leggere.

L’ultimo lo diedi a una mia amica una decina di anni fa. Una copia de Il pasto nudo, voleva sapere tutto sugli effetti delle droghe. Prima di lei era stato la volta della moglie di un mio amico: Il grande Gatsby e Il giovane Holden. Me li restituì delusa. Prima ancora della moglie del mio amico, avevo prestato una copia dl Le affinità elettive di Goethe a una mia collega di lavoro. Non rividi mai più quel libro.

Insomma sono un pochino scettico a prestarli e alcuni non li presto assolutamente: in primis un volume con tutti i racconti di Hemingway. Però ci sono anche delle persone che li prendono senza dire nulla: mio fratello e mio nipote.

Fanno finta di nulla e ogni tanto trovo qualche buco nella libreria, però me li riportano sempre. 

E voi come vi comportate al riguardo?

lunedì 12 dicembre 2011

La libreria online più grande del mondo

Suppongo sia scontato questo primato letterario, ma visto che siamo entrati nel periodo natalizio e visto che il sottoscritto è un affiliato Amazon e tramite i banner presenti nel mio blog potete fare direttamente degli acquisti, mi sembra corretto ricordarlo.

Ora, per essere precisi occorre ricordare che Amazon è una compagnia di commercio elettronico statunitense con sede a Seattle, nello stato di Washington. È stata tra le prime grandi compagnie a vendere merci su Internet: prodotti che spaziano dai libri, all’elettronica alla musica e via di seguito.

Per quanto riguarda i libri non esiste al mondo una struttura più fornita. In vendita, infatti, potete trovare qualsiasi tipo di libro, con sconti interessanti: narrativa, economia e diritto, per bambini e per ragazzi, religione, scuola, arte, informatica, tempo libero e in lingua (inglese, francese, spagnolo e tedesco).

Da qualche mese la compagnia è presente anche sul territorio italiano. Le spedizioni sono gratuite in Italia, San Marino, Vaticano e Svizzera per ordini di almeno 19€ (2,40€ per ordini inferiori ai 19€) ed è possibile spedire in tutto il mondo.

Volendo ci si può Iscrivere al servizio Amazon Prime (dal costo di 9,99€ l'anno) e in questo caso tutte le spedizioni (senza limiti di acquisto) di qualsiasi prodotto sono gratuite.
Il pagamento naturalmente si fa tramite carta di credito.

Lo sapevate vero?