giovedì 3 novembre 2011

Spettacolo Life

La coscienza gioca sempre brutti scherzi e nelle ultime ore per rinfrancare la mia, colpevole di qualche nefandezza,  sono andato a verificare quali sono le dipendenze di cui erano soggetti i colleghi più illustri del mondo letterario

Premetto che io non sono né drogato né alcolizzato, ma ogni tanto mi capita di fare qualche bagordo e nei giorni seguenti devo faticare non poco per rimettere tutto in riga. 

Per fortuna ho trovato questo vecchio post di  booksblog dove è segnalata una galleria fotografica che Life dedicata alle dipendenze di ben 36 scrittori, e grazie alla visione di queste foto mi sono consolato un pochino, anche perché sono estremamente belle.
Insomma, mal comune mezzo gaudio verrebbe da dire.

E qui siamo in comune con leggende vere e proprie, con un elenco sconfinato che va da un poeta come Charles Baudelaire (alcol e oppiacei) a un autore terribile e controverso come William S. Burroughs (eroina).
Si passa da Edgar Allan Poe a Dorothy Parker (alcol entrambi), da Jack London a Ernest Hemingway e Stephen King (che ha raccontato di aver pippato talmente tanta coca da dover lavorare coi tamponi nel naso per non spruzzare sangue sulla tastiera). Si citano anche Hunter S. Thompson a William Faulkner a Charles Bukowsky, etc.

Le immagini sono accompagnate anche da un elogio della rispettiva dipendenza.

Be’ immagini da vedere,  da leggere e commentare ☺

18 commenti:

  1. Io mi sono sempre autodisciplinato. Mai usate droghe e mai ubriacato in vita mia. Si può essere grandi scrittori anche senza stravizi e bagordi :)

    RispondiElimina
  2. La foto del gattino è terribile, però, dai! E' macabra :D

    RispondiElimina
  3. Che dire... l'alcool regna sovrano, almeno a vedere come si sollazzavano questi artisti.
    Una brutta visione d'insieme, comunque...

    RispondiElimina
  4. La mia preferita (perché va a solleticare le mie antipatie) è la didascalia per la foto di Ayn Rand: "Non è sicuro che fosse dipendente da sostanze, ma per anni prese anfetamine e stimolanti tutti i giorni".
    :-D
    Diavolo, gli americani Santa Ayn Rand non riescono proprio a tirarla giù dal suo maledetto piedistallo!

    E dopo questa galleria di orrori, vado a bermi un succo d'arancia, poi mi rimetto a scrivere ;-)

    RispondiElimina
  5. Foto molto belle (a parte quella di Stephen King, ma tanto si sa che King in foto fa sempre schifo!) e tema interessante. :)

    Sicuramente non è un caso che così tanti scrittori famosi siano finiti schiavi di sostanze e alcool, vuoi per una insofferenza verso la società, vuoi per altri motivi. Hanno percepito il meglio ma anche il peggio del mondo che li circonda. Poi, per nostra fortuna, lo hanno riversato nelle loro opere, che almeno quelle rimarranno immortali e pure. :)

    Ciao,
    Gianluca

    RispondiElimina
  6. @ Nick: già:-)

    @ Daniele: sei un mostro:-)

    @ Eleonora: si è preso una bella sbronza, povero:-)

    RispondiElimina
  7. @ Narratore: fosse solo alcol:-(

    @ Davide, certi tue frasi sono spettacolo "Diavolo, gli americani Santa Ayn Rand non riescono proprio a tirarla giù dal suo maledetto piedistallo!!
    <3

    @ Gianluca, si quando le ho visto ho pensato di farci un post:-)

    RispondiElimina
  8. Bellissima galleria fotografica. Manco io... con dipendenza da Pane e Nutella! ^_^

    RispondiElimina
  9. Le foto sono molto belle.ma mi è venuto un moto di tristezza nel pensare a quanto siano finiti nella dipendenza da droga e alcool...

    RispondiElimina
  10. Da noi in Italia gli scrittori non guadagnano abbastanza per drogarsi.

    RispondiElimina
  11. ahahh Alex e poi noi preferiamo lo Sforzato:-)

    RispondiElimina
  12. King pippava tanta coca perchè si era rotto le palle di sentire Annie Wilkes che diceva, una continuazione, che Misery non doveva morire, state a sentire me!:D

    RispondiElimina
  13. Io mi faccio di libri.
    Oltre che a leggerne parecchi, mi piace annusarli. Se un libro non dovesse avere un buon odore farei fatica a leggerlo.
    Sono convinta che mettano delle essenze particolari nelle carta stampata, altrimenti non mi spiegherei questa dipendenza.
    E non fare quella faccia, ti ho inserito nel mio blogroll, ma potrei sempre toglierti.
    Scherzo

    RispondiElimina
  14. @ Cinefatti: mi sa che hai ragione:-)

    @ Lisa: ti inserisco subito anch'io e non scherzo:-)

    RispondiElimina