domenica 6 novembre 2011

Cose di casa: Livio Gianola

Tanto per non contraddirmi e per aiutare una giornata contrassegnata da idee flaccide e contraddistinta da sfoghi infiammatori, posto un articolo spudoratamente del tutto personale e naturalmente off topic.  L'ho intitolato cose di casa: Livio Gianola.

La nebbia e la pioggia stimolano una giornata da trascorrere in casa e di cose di casa (allitterazione creata apposta) vi voglio appunto parlare segnalando la nuova pagina web di mio fratello, Livio Gianola, che va ad aggiungersi al suo sito personale, a sua volta già segnalato.

Tra le note biografiche emerge che è l’unico chitarrista non spagnolo ad aver scritto musiche flamenco per il prestigioso Ballet National de España. In quasi 15 anni di collaborazione con il bailaor Antonio Canales ha dato vita alle musiche dei balletti Torero (1992), Narciso (1995), Gitano (1996), Minotauro (2002), Bailaor (2004) e Bohemio (2006).

Le sue opere sono rappresentate in tutto il mondo nei più prestigiosi scenari quali: il Theatre des Champs Eliseé di Parigi, il Teatro de la Zarzuela di Madrid, il Lope de Vega di Siviglia, il Bunka kaikan di Tokio, il Colón di Buenos Aires, il Philarmoniker di Colonia, il Grand theater di Shangai e il Teatro dell’Acropoli di Atene.

Come solista e in varie formazioni partecipa a importanti manifestazioni come il Forum dei popoli di Barcellona, la Bienal de Flamenco di Siviglia e il Festival di Sanremo. Ha scritto musiche per il cinema e il teatro (premiato al Festival Cinematografico di Rimini) e composto lavori di più ampio respiro in ambito classico tra i quali: il “Concerto per orchestra di chitarre”, la “Suite del levantino” per chitarra e orchestra e due CD a proprio nome dai titoli Sombra e  Bohemio

La recente produzione musicale lo ha visto impegnato con lo spettacolo Rosso a fianco di Rafael Amargo e Lola Greco.

Nel 2014 è uscito il suo ultimo lavoro Otro Sitio (A Palette Of Latin Colors), registrato al Power Sound Studio di Amsterdam per l'etichetta Amstel Record, prodotto da Live in Europe

I brani di questo lavoro sono stati presentati a settembre 2014, in prima mondiale, al Concertgebouw di Amsterdam.

9 commenti:

  1. Accidenti, ma siete tutti geni in famiglia?

    RispondiElimina
  2. @ Gian: comunque non siamo tutti geni

    almeno non io

    RispondiElimina
  3. Complimenti davvero, concordo con Gian: una bella famigliola di geni tra Arte e Cultura :)

    RispondiElimina
  4. Porco giuda, ma cosa mangiate su, sui monti con Annette? ;)

    RispondiElimina