sabato 12 novembre 2011

Caporali, trattini o virgolette?

Non tutti si chiamano Cormac McCarthy che scrivono capolavori come Cavalli Selvaggi e come La strada e che si possono permettere di scrivere senza farne uso, perché “se scrivi correttamente non dovresti bloccare la pagina con strani piccoli segni e non dovresti neppure fare uso della punteggiatura", però siccome io non sono l’autore americano quando inserisco un dialogo all’interno di un racconto o di un romanzo devo assolutamente mettere qualcosa che mi faccia capire che i personaggi stanno parlando direttamente tra loro.

Ora, io non ho mai avuto dubbi sulla scelta di cosa utilizzare: tra le virgolette alte “”, il trattino - e le caporali «» nessun problema di discernimento.

Da sempre, da quando scrivevo ancora con la matita. Le caporali mi sono sempre piaciute. Un po’ come le grechine che si facevano a scuola.

Non si tratta soltanto di una scelta estetica. Mi permettono un maggior controllo durante la stesura di una storia e con le virgolette e con il trattino non mi viene così bene. D’altra parte quelle volte che ho dovuto inviare un racconto o una storia senza l’utilizzo delle caporali mi sono sentito un po’ castrato.

Lo so è stupido ma non ci posso fare nulla, e magari non sono neppure il solo. È probabile che molti di voi siano del tutto indifferenti al segno tipografico usato per contraddistinguere una parola o una frase in un discorso diretto, ma può darsi che qualcuno abbia delle fisse come il sottoscritto.

Be’ sta a voi dirlo.

21 commenti:

  1. Sono d'accordo: le caporali sono le migliori.
    Peccato che sia sempre complicato utilizzarle e non vengano implementate nella tastiera come molti altri segni...

    Narratore

    RispondiElimina
  2. Pure io, da lettore, preferisco di gran lunga le caporali. :)

    RispondiElimina
  3. Anch'io preferisco le caporali, ma visto che sulla tastiera non c'è un comando immediato per l'inserimento (e sono troppo ignorante e pigro per imparare) alla fine uso le virgolette.

    RispondiElimina
  4. Per me le caporali sono le donne che stanno nell'esercito.
    Io faccio a pugni con i segni di interpunzione.
    Odio le virgole, il punto e virgola i due punti e tutti i punti della famiglia Punteggiatura.
    Eppure danno vita allo stile di uno scrittore.
    Che sia una brutta copia di Cormac McCarthy?

    Comunque sia, sono tra i tifosi delle caporali.

    RispondiElimina
  5. Decisamente caporali per i dialoghi, virgolette e trattini per altre situazioni. :)

    RispondiElimina
  6. Ecco la mia voce fuori dal coro. Io tifo per virgolette, o al massimo trattini.
    Detemi una V, datemi una I... etc, etc...

    RispondiElimina
  7. Mi chiedo quali segni si debbano usare nel caso di un discorso diretto nel discorso diretto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se usi le caporale, ti servi delle virgolette. Oppure il contrrario

      Elimina
  8. con quale comando della tastiera si scrivono le caporali?

    RispondiElimina
  9. con quale comando della tastiera si scrivono le caporali?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. alt 124 alt 125 credo, se non ricordo male

      Elimina
  10. A Google piace la punteggiatura e a me piace tutto ciò che piace a Google, perchè ho un'identità digitale.

    RispondiElimina
  11. Non potrei mai farne a meno. Mi sono anche impostato la scelta automatica.

    RispondiElimina