domenica 9 ottobre 2011

Nutrirsi di belIezza con Il Grande Notturno

Il prossimo 2 novembre - giorno dei Morti - state attenti, non è escluso che siano i nostri cari estinti, questa volta a venirci a trovare. Anzi, pensandoci bene, suppongo sia molto probabile, specialmente se vi farete incantare dal suono del flauto che un burattinaio di eccezione come Ian Delacroix ha dato in mano a Il Grande Notturno, in arrivo con il suo carico di splendore, morte, bellezza e oblio
Ancora poche settimane, quindi, per trovare nelle librerie e in tutti gli eShop on line la nuova e memorabile storia dell’autore con la maschera, pronto a incantare per l’ennesima volta il suo pubblico di appassionati.

Una vicenda che partendo dalla Milano odierna, attraversando continenti e secoli, trasforma l’eternità in un singulto d’amore. Avremo la possibilità di conoscere un personaggio pericoloso e struggente, che calca le sue orme crepuscolari a perseguire un solo scopo, l’unico che gli permette di non soccombere alla Vita: nutrirsi di Bellezza.

Un’orda di topi invade Milano, schiere di non-morti emergono dalla metropolitana: è la Fine? No, questo è soltanto l’Inizio. Là dove il crepuscolo piega a sé la luce, dove maledizioni gelide vivono un’eterna notte, si muovono leggende in grado di vincere la morte e di arrivare vicino a noi, nelle nostre strade, nei nostri incubi. Il destino della Bellezza è segnato: chi sopravvivrà al nuovo divenire del mondo? Chi saprà sottrarsi al tremendo e irresistibile invito del Grande Notturno?

Ian Delacroix è da diversi anni tra i protagonisti nell’underground letterario dark-horror italiano, che l’ha visto collaborare in qualità di redattore e articolista con diversi tra i maggiori siti di genere (The Gate - il Cancello, Scheletri, LaTelaNera) e con la rivista Necro. Lavora anche come editor e traduttore freelance.
Con Edizioni XII pubblica nel 2007 la raccolta di racconti Abattoir ed è tra gli autori delle raccolte  Archetipi (2009) e Carnevale (2010).

8 commenti:

  1. L'invito del grande notturno sembra "invitante", il nuovo divenire del mondo una buona scusa per non fuggire.

    RispondiElimina
  2. Mi hai incuriosito, bene bene, finalmente(dopo interminabili lavori a casa)ritornerò ai libri. Ciaoooooo.

    RispondiElimina
  3. Caro lei e cara XII voi non potete farmi questo!
    Ho appena comprato MALAPUNTA e voi ve ne uscite con un altro libro interessante?
    In miniera!!!! Altrochè, così imparate. ;)
    :P :P :P

    RispondiElimina
  4. @ Mark, grande libro:-)

    @ rossorosso: ti aspetto:-)

    @ Nick: lo facciamo apposta per gli appassionati e le persone speciali come te :-)

    RispondiElimina
  5. ottima segnalazione Ferruccio, e grazie del consiglio di ieri, messo in pratica, attendo risposta! ;)

    RispondiElimina
  6. Mi associo a Nick: Malapunta deve ancora arrivarmi (questione di giorni) e già ne sfornate un latro... abbiamo una vita, lo sapete? Non possiamo mica stare con il naso fra le pagine di un libro tutto il tempo... oppure sì?
    Cmq, visto che non posso esimermi, ti ringrazio per la segnalazione (anche il mio portafogli ringrazia...)

    Narratore

    RispondiElimina
  7. @ Donata: bene:-)

    @ Narratore: non ti pentirai,

    se vi serve consulenza per l'acquisto sono a disposizione:-)

    RispondiElimina
  8. Ho già tormentato Edizioni XII per acquistarlo prima, in anticipo, a priori... di più, in un'altro spaziotempo! Sarà la lettura di sottofondo all'autunno.

    Alessandro Forlani

    RispondiElimina