sabato 15 ottobre 2011

A loro mica importa lo "Show, don't tell"

La sensazione che per un paio di settimane dovrò pedalare come un ciclista scalatore che sale il Mortirolo in fuga non me la toglie di dosso nessuno. Sono più le cose che devo fare di quelle che riesco a fare. 
Vabbè me le sono cercate e quindi inutile piangere sul latte versato. 

Però, cribbio, i giorni non li vedo e per questo mese d’ottobre, al momento, non vedo via di uscita. Dovrei possedere il dono dell’ubiquità per fare tutto. 

Ora, stimoli e opportunità per fare le cose per bene non mancano, ma bisognerebbe anche tirare il fiato ogni tanto, o no?

Per fortuna, ieri, sono riuscito a prendermi un break di qualche ora e ho fatto una corsetta in montagna, poco in confronto a quello che desideravo fare, ma sufficiente a indurirmi i muscoli e a immergermi un poco nell’atmosfera autunnale. 

Colori caldi, aria più consona alla stagione, qualche noce e riccio di castagne in testa giusto per ricordarmi chi sono. Insomma proprio quello che ci voleva. 

Non ho incontrato neanche una persona: soltanto pecore e somari. Ci siamo guardati un po’, ma dubito che a loro interessi sapere chi vincerà il prossimo premio nobel per la letteratura o chi sarà il bestsellerista di Natale, o ancora le problematiche di scrittura che ruotano intorno allo Show, don't tell.





8 commenti:

  1. "Show, don't tell?" io non capisce, in mia terra non si parla italiano. ci vediamo gividì!

    RispondiElimina
  2. Ferru, non sai quanto mi manca la Valsassina...

    RispondiElimina
  3. Bell'ambiente quello autunnale, e distensivo non incontrare persone, ma solo animali. Giusta carica per ripartire!

    RispondiElimina
  4. Bellissime montagne, bei animali e sicuramente buon'aria pura... Un ritorno alle origini, forse anche con molta fatica fisica, ma è quello che occorre per ricaricare la mente... :)

    RispondiElimina
  5. Sai come la penso io: momenti come questi ce ne dovremmo prendere di più, e bando alle ciance.

    RispondiElimina
  6. Di tanto in tanto sì. L'importante è riuscire a non pensare (quando si è in vacanza) a come far quadrare tutto appena si tornerà al lavoro. :)

    RispondiElimina
  7. @ Tim: giovedì?

    @ Paola: ti capisco:-)

    @ Luigi: fa bene ogni tanto

    RispondiElimina
  8. @ Jennaro: no, l'llenamento sta dando buoni frutti, faccio sempre meno fatica:-)

    @ Nick, sì, concordo:-)

    @ Matteo, già, grazie e benvenuto:-)

    RispondiElimina