mercoledì 24 agosto 2011

Vipera, Vipera della Morte

Mi sono reso conto che non è più possibile cambiare il nick scelto su facebook. Oh, lasciate stare l’aspetto tecnico, quello si può fare eccome, ma giunto al punto dove sono adesso non so se converrebbe farlo. È un pochino come quando da bambino si dice una parola storpiata e ci si chiama in qualche modo balordo: si passa il resto della vita con quel nomignolo appiccicato addosso.

Ma facciamo un passo indietro.

Era il marzo del 2010 quando tutto iniziò. Fino allora consideravo facebook (non che adesso lo avvalori, ma almeno per metà mi accontenta) qualcosa d’inutile e adatto soltanto a gente disadattata. Poi, un pomeriggio, complice una nevicata, decisi stranamente di crearmi un profilo. Ora, siccome più di una volta mi era stato richiesto se possedessi o no un account, scartai da subito l’ipotesi di usare il mio vero nome e cognome, proprio per non farmi trovare da quelle persone.

Cosa usare allora?

Ho da sempre la passione dei serpenti velenosi, molti lo sanno, ma non ricordo perché scelsi la Vipera della Morte: forse fu qualcosa d’inconscio legato a questo racconto scritto nel 2009. In pochi minuti, tuttavia, mi trovai l’immagine di un bel rettile, al posto della mia, attiva nel regno di Zuckerberg.

Nel giro di una giornata aggiunsi un centinaio di amici. Non tutti entusiasti. Amici che cercai tra i forum che frequentavo. Mi colpii in particolare la risposta che ricevetti dopo aver inviato la richiesta di amicizia a Daniele Bonfanti: mi rispose scrivendomi che proprio in quel momento stava preparando la scheda dell’Acanthophis antarcticus (scheda che potete leggere nel Natural Born Killers di La Tela Nera).

Stranezze della vita.

Adesso, con Daniele Bonfanti collaboro e la mia vipera è anche un personaggio degli episodi che sono postati sul blog di Edizioni XII nelle giornate di lunedì: Sonar 1-7 Agosto, Sonar 8- 14 Agosto, Sonar 15-21 Agosto.
Tra le righe, qualche settimana fa, Daniele mi ha pure detto che ormai non me lo posso più togliere di dosso questo strano nick velenoso.

Insomma, è stato un gioco curioso che doveva concludersi dopo pochi giorni, invece, sono ancora qui e a questo punto vi è facile capire che non posso tornare indietro.

7 commenti:

  1. Il nickname è una "brutta" cosa, quando te ne spiaccichi uno sopra è la fine. XD

    RispondiElimina
  2. E si vede che è la tua vera natura, se è tanto persistente ;)

    RispondiElimina
  3. In realtà è il cognome che fa figo: Dellamorte...

    :D

    RispondiElimina
  4. @ Angelo: hai ragione:-)

    @ Michela: che vuoi dire? Sono davvero una vipera? LOL

    @ Hell. mai come Kirk:-)

    RispondiElimina
  5. Pensa che io su mIRC (tempi andati!) avevo come nick questo: _-_-_-_-_
    Ti lascio immaginare quando mi chiamavano dal vivo...

    RispondiElimina
  6. @ Nick: avevo pensato di cambiarlo, non piace a tutti e a volte ci trovo del sarcasmo:-)

    @ Luigi: divertente:-)

    RispondiElimina