venerdì 26 agosto 2011

Top five: scrittori suicidi

Forse chiamarla top five mi potrebbe fare apparire insensibile, ma non posso negare il fascino che questi autori rivestono verso il sottoscritto. Fascino accresciuto in queste settimane con la lettura di Malapunta, romanzo che ha portato alla ribalta un altro scrittore tragicamente scomparso. 

Così il desiderio di realizzare questa top five è diventato inarrestabile. 

Certo, Morgan Perdinka non l’ho inserito, per il momento non è ancora della statura mitica e leggendaria dei cinque che seguono, ma non si sa cosa riserva il futuro.















11 commenti:

  1. A me affascina molto il personaggio di Yukio Mishima, uno dei pochi il cui suicidio non aveva motivi esistenziali ma l'applicazione pratica di un discutibile principio di "protesta" che appartiene alla cultura storica giapponese. Probabilmente c'era anche un discorso di "vanità", per così dire: era ormai famoso, ossessionato con gli ideali estetici e la ricerca della bellezza assoluta, e ha voluto morire in modo spettacolare, ancora giovane, anzichè invecchiare e farsi fregare da una banale febbre in qualche centro per anziani.

    RispondiElimina
  2. Salgari suicida?
    È come Babbo Natale pedofilo...
    Poraccio. Mi dispiace per tutti, ma soprattutto mi dispiace per lui. Si meritava di meglio.

    RispondiElimina
  3. Ti segnalo un testo poco noto che forse ti interessa: http://www.equilibriarte.net/articles/23/Trentasette,-Il-mistero-del-genio-adolescente-%E2%80%93-di-Flavio-Caroli

    Alessandro Forlani

    RispondiElimina
  4. @ Ariano: non ho messo Mishima perché mi sembrava quasi ovvio:-)

    @ Michela: non sapevi di Salgari?

    @ Alessandro: grazie

    RispondiElimina
  5. Beh, che dire?
    Aggiungerei Seneca.

    RispondiElimina
  6. "E non fate troppi pettegolezzi"...

    RispondiElimina
  7. Purtroppo oggi bisogna annoverare il Suicidio piu aberrante.... quello della cultura!!

    RispondiElimina
  8. @ Hell, nessun pettegolezzo LOL

    @ max: ci trovo un verità nel tuo commento :-)

    RispondiElimina
  9. fica questa cosa dei suicidi, ma forse la Woolf ci poteva stare, dai. :)
    come quota rosa se non altro :D

    RispondiElimina
  10. @ gelo, dovevo fare una top ten e non una top five

    RispondiElimina