martedì 2 agosto 2011

Novel Cemetery

Io dovrei averne un paio. Da qualche parte - magari sull’hard disk di un vecchio computer, oppure su qualche cd masterizzato o addirittura su qualche floppy - deve esserci dei files con diverse centinaia di cartelle abbandonate.

Non ricordo con precisione che romanzi fossero. Come li ho iniziati e perché non li ho finiti. Ora, tuttavia, avrei tutto l’interesse a trovarli per seppellirli come si deve.

Già, perché esiste un cimitero per i romanzi.

La notizia l’ho trovata, come percorrendo un sentiero - grazie a Saamaya che mi ha indirizzato a sua volta su Finzioni e precisamente a questo articolo.

My Unfinished Novels è un’idea di un certo Steve Wilson, uno scrittore a sua detta fallito, che ha pensato di creare uno spazio virtuale dove chiunque possa esporre i propri insuccessi.

Così, se lo desiderate, potete unirvi al gruppo degli scrittori che hanno deciso di seppellire una propria opera incompiuta, mandando il titolo del romanzo, il numero delle pagine completate, un riassunto e magari anche un estratto dell’opera, con la ragione per la quale non è stato finito.

Ma potete anche solo fare un giro tra le tombe e lasciare un fiore sopra un libro morto che magari dal titolo vi inspirava.

17 commenti:

  1. Da una settimana non faccio che piangere LOL

    RispondiElimina
  2. E’ il genere di cose che mi desiderare di avere un paletto di frassino virtuale con annesso martello per assicurarmi che ciò che è morto non ritorni a infestarmi l’esistenza.

    RispondiElimina
  3. per inquinare le inventano tutte eh? :)

    RispondiElimina
  4. @ Angelo, hai ragione: vampiri:-)

    @ gelo: già, vacca puzza:-)

    RispondiElimina
  5. I miei li ho cremati e ho disperso le ceneri! ;)

    RispondiElimina
  6. io ho già risolto con un bel falò, però anche quest'idea del cimitero non è male!

    RispondiElimina
  7. @ Gian: bravo:-)

    @ Hobina, avrei dovuto bruciarli anch'io, ma si sono dispersi da soli:-)

    RispondiElimina
  8. La creatività della mente umana è qualcosa di talmente complesso da riuscire a sorprendermi sempre. Diventa difficile credere che non ci sia una scintilla divina nell'uomo.

    RispondiElimina
  9. I miei sarebbero tutti da bruciare e disperderne le ceneri, a cominciare da quelli che ho messo in libera lettura. Però l'idea di un cimitero dei romanzi mai nati è intrigante. E se qualcuno ci scrivesse su un racconto?
    Temistocle

    RispondiElimina
  10. La cosa bella è che potrebbero zombizzarsi!

    Luigi

    RispondiElimina
  11. @ Ariano: già,

    @ Tim: scrivilo dài:-)

    RispondiElimina
  12. Già, non avevo pensato a questo Luigi:-)

    RispondiElimina
  13. "Quando non ci sarà più posto all'inferno i libri cammineranno sulla terra" (semicit.)

    RispondiElimina
  14. Non si finisce mai di scoprire qualcosa di nuovo...

    RispondiElimina