venerdì 15 luglio 2011

Non usiamo le email, inquinano

Altro piccolo Off Topic - come il post di ieri - anche se si trattano di argomenti OT per modo di dire, visto che in entrambi i casi le problematiche si sposano con certe necessità legate alla scrittura e alla lettura. 

Oggi il problema concerne l’utilizzo dalla posta elettronica, dopo aver scoperto, ascoltando la radio in auto, che alcuni esperti hanno rilevato il suo potere inquinante.

Già, così pare. La misericordiosa e preziosa posta elettronica è in grado di inquinare quasi come un motore a scoppio. 

L’analisi, condotta dall’Agenzia per il controllo energetico francese, è impietosa: secondo loro, quando un messaggio viene inviata, viene copiato diverse volte all’interno dei vari server che si occupano di inoltrarla nella rete fino a e destinazione e ogni passaggio consuma la stessa quantità di energia elettrica causando una produzione di CO2. Più allegati sono inclusi all’interno del messaggio di posta elettronica e maggiori saranno i danni provocati dalle emissioni prodotte. 
Dunque 8 e-mail da 1Mb sarebbero in grado di inquinare quanto un auto che percorre un chilometro.

Può sembrare una barzelletta, ma a quanto pare non è così.

Io, per esempio, con i miei sette indirizzi di posta ricevo e invio una cinquantina di messaggi al giorno, diversi con allegati pesanti.

Insomma, mi sento un po’ in colpa e a questo punto mi domando: c’è ancora qualcosa che non crea guai in questo dannato mondo?

17 commenti:

  1. Accidenti, è proprio vero le cose più belle fanno male come diceva Oscar Wild.
    Adesso ci verranno a dire che anche il sesso inquina.

    RispondiElimina
  2. Mah, mi sembra che rientri nel problema più generale di un consumo intelligente. C'é gente che accende la televisione, non la guarda ma continua a tenerla accesa, intanto telefona, intanto accende l'aria condizionata anche se il caldo è sopportabilissimo...
    Sono questi i comportamenti da evitare.

    RispondiElimina
  3. Il solo fatto di aprire il browser e "caricare" una pagina qualsiasi fa "saltellare" su più server quella pagina. Tutto il mondo "tecnico-sommerso" di Internet funziona così, proprio per ovviare a perdite di dati. Si chiama ridondanza.

    Cmq a mio modestissimo parere, sta cosa della mail che inquina mi puzza parecchio... :(

    RispondiElimina
  4. Guarda che non è la mail in sé a inquinare, bensì il sistema informatico che gestisce questo sistema. Per fare clamore hanno voluto dividere tale inquinamento per numero di mail ma... se i server di posta di tutto il mondo rimangono accesi, mail o non mail, l'inquinamento non cala!

    @Nick:
    E anche il sesso inquina... be', quello sicuro. Quanto tempo pensi sia necessario alla natura per smaltire un profilattico? E gli imballi dei profilattici, e tutta la trafila industriale per produrli e distribuirli?
    Forse bisognerebbe tornare al vecchio metodo indiano: Budello di bufalo e via!

    RispondiElimina
  5. Per rispondere alla domanda finale, no, mi sa proprio che non c'è nulla che non faccia danni. Si tratta quindi di ridurre almeno, piuttosto che azzerare, l'impatto. Tanto lo zero è umanamente impossibile da ottenere. Lo stesso mantenimento del blog pesa sull'ambiente, ad esempio. Mi permetto di segnalarti quindi una pagina/iniziativa a riguardo con cui ho partecipato già con il mio blog dedicato alla ecologia: http://www.doveconviene.it/co2neutral/un-blog-un-albero

    Ciao,
    Gianluca

    RispondiElimina
  6. @Gloutchov: Ma allora i cattolici inquinano meno? E il fumo delle candele in chiesa allora? LoOoOoOoL

    Bella l'iniziativa di Gianluca avevo già letto da Liber@. Può essere un passettino avanti...

    RispondiElimina
  7. @ nick: quello è da un pezzo che inquina:-)

    @ Ariano, certo, volevo capire che discussione cosa scaturiva da questo post:-)

    RispondiElimina
  8. @ Glauco: chiaro, chiaro. Be' io stacco sempre la presa quando ho finito di usare il pc e mi sembra che il computer che uso adesso consumi meno del portatile di prima:-)

    @ Eddy: quando posto articoli simili voglio sempre vedere dove si va a parare... mi fa piacere che ci siate voi a commentare:-)

    RispondiElimina
  9. E' una cosa inevitabile. Prima o poi anche io aderirò all'iniziativa di Gianluca.

    RispondiElimina
  10. Bon, di qualcosa si dovrà pur morire... quindi mi va bene morire di "mail" :D

    RispondiElimina
  11. @ Gianluca: ho visto, cercherò ddi fare qualcosa:-)

    @ Gian: concordo:-)

    @ Alessandro: mi sa che non si scappa, farò la stessa fine:-)

    RispondiElimina
  12. @ Glauco e Ferru.
    Inquinerà anche il sesso ma che divertente che è....!Looool
    Mi sa cha derirò anche io all'iniziativa di Gianluca.

    RispondiElimina
  13. beh vabbè si può anche esagerare...:)

    RispondiElimina
  14. pare anche a me una riduzione sensazionalista della questione. se i miei server fossero alimentati a energia cricetica, l'unico inquinamento sarebbero le cacchette nella gabbia.

    RispondiElimina
  15. @ Piscu: già basta trovare qualcosa da dire:-)

    RispondiElimina