martedì 12 luglio 2011

Il Decalogo Diabolico di Beppe Severgnini.

Immagine Biografie Online
Continua la lista di post di consigli legati alla letteratura.

Dopo le varie regole proposte e fornite da autori come  King,  Orwell,  Hemingway e compagnia, appare nel mio blog un articolo con alcuni consigli di scrittura redatte da un autore italiano. 

Si tratta di Beppe Severgnini (è stata Hobina di Otherworlds a consigliarmi di cercale e postarle). Be’, detto fatto. Ecco il suo Decalogo Diabolico: le dieci cose da non fare mai quando si scrive.

I
Usate dieci parole quando tre bastano.

II
Usate parole lunghe invece di parole brevi,
sigle incomprensibili e termini specialistici.

III
Considerate la punteggiatura una forma di acne:
se non c’è, meglio.

IV
Fate sentire in inferiorità il lettore:
bombardatelo di citazioni.

V
Nauseatelo con metafore stantie.

VI
Costringetelo all’apnea: nascondete la reggente
dietro una siepe di subordinate, e cambiate il soggetto
per dispetto.

VII
Infilate due o più che in una frase.

VIII
Non scrivete “Il discorso era noioso, e i relatori aspettavano
l’intervallo” ma “Lo speech era low-quality e il panel s’era messo
in hold per il coffee-break”.

IX
Usate espressioni come in riferimento alla Sua del...,
il latore della presente, in attesa di favorevole riscontro...

X
Siate noiosi.

14 commenti:

  1. Anche queste meritano comunque...

    RispondiElimina
  2. Sembrano banalità.
    E il brutto è che non lo sono.

    RispondiElimina
  3. Eheheh. Mo' te lo ispiro io un bel post (su faccialibro). ;)

    RispondiElimina
  4. bellissimo il punto 3! e bravo Ferru, ma.....correggi quel titolo! BeBBE non l'ho mai sentito ;))))

    RispondiElimina
  5. @ Nick:-)

    @ Eddy: già:-)

    @ Luca: molto vero

    @ Gian, visto su FB, grazie:-)

    @ Liber@discrivere: golba del ravvredore

    RispondiElimina
  6. Ma scusa Ferruccio! Rilasci interviste e non ci dici niente, dobbiamo venirlo a sapere per vie traverse? :)
    Il decalogo di Severgnini, pensa un po'... :D

    RispondiElimina
  7. ah ah! che bravo ferruccio, sei andato a scovarle per me!!!

    RispondiElimina
  8. Belle e buone regole, grazie! Quella tra tutte che ho più apprezzato di più (perché la punteggiatura mi fa venire l'orticaria) è stata: " Considerate la punteggiatura una forma di acne:
    se non c’è, meglio."

    RispondiElimina
  9. Io ho anche il suo libro "italiano. lezioni semiserie". da consigliare!!

    RispondiElimina
  10. Molta gente dovrebbe seguirli questi consigli!!

    RispondiElimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Info sulla Privacy