martedì 12 luglio 2011

Il Decalogo Diabolico di Beppe Severgnini.

Immagine Biografie Online
Continua la lista di post di consigli legati alla letteratura.

Dopo le varie regole proposte e fornite da autori come  King,  Orwell,  Hemingway e compagnia, appare nel mio blog un articolo con alcuni consigli di scrittura redatte da un autore italiano. 

Si tratta di Beppe Severgnini (è stata Hobina di Otherworlds a consigliarmi di cercale e postarle). Be’, detto fatto. Ecco il suo Decalogo Diabolico: le dieci cose da non fare mai quando si scrive.

I
Usate dieci parole quando tre bastano.

II
Usate parole lunghe invece di parole brevi,
sigle incomprensibili e termini specialistici.

III
Considerate la punteggiatura una forma di acne:
se non c’è, meglio.

IV
Fate sentire in inferiorità il lettore:
bombardatelo di citazioni.

V
Nauseatelo con metafore stantie.

VI
Costringetelo all’apnea: nascondete la reggente
dietro una siepe di subordinate, e cambiate il soggetto
per dispetto.

VII
Infilate due o più che in una frase.

VIII
Non scrivete “Il discorso era noioso, e i relatori aspettavano
l’intervallo” ma “Lo speech era low-quality e il panel s’era messo
in hold per il coffee-break”.

IX
Usate espressioni come in riferimento alla Sua del...,
il latore della presente, in attesa di favorevole riscontro...

X
Siate noiosi.

14 commenti:

  1. Anche queste meritano comunque...

    RispondiElimina
  2. Sembrano banalità.
    E il brutto è che non lo sono.

    RispondiElimina
  3. Eheheh. Mo' te lo ispiro io un bel post (su faccialibro). ;)

    RispondiElimina
  4. bellissimo il punto 3! e bravo Ferru, ma.....correggi quel titolo! BeBBE non l'ho mai sentito ;))))

    RispondiElimina
  5. @ Nick:-)

    @ Eddy: già:-)

    @ Luca: molto vero

    @ Gian, visto su FB, grazie:-)

    @ Liber@discrivere: golba del ravvredore

    RispondiElimina
  6. Ma scusa Ferruccio! Rilasci interviste e non ci dici niente, dobbiamo venirlo a sapere per vie traverse? :)
    Il decalogo di Severgnini, pensa un po'... :D

    RispondiElimina
  7. ah ah! che bravo ferruccio, sei andato a scovarle per me!!!

    RispondiElimina
  8. Belle e buone regole, grazie! Quella tra tutte che ho più apprezzato di più (perché la punteggiatura mi fa venire l'orticaria) è stata: " Considerate la punteggiatura una forma di acne:
    se non c’è, meglio."

    RispondiElimina
  9. Io ho anche il suo libro "italiano. lezioni semiserie". da consigliare!!

    RispondiElimina
  10. Molta gente dovrebbe seguirli questi consigli!!

    RispondiElimina