domenica 12 giugno 2011

Quando il gioco si fa duro

I duri cominciano a giocare. Ora non è detto che occorra essere John Belushi per partecipare, ma ho inserito qualche trappola in questo nuovo giochino letterario: basta incipit
Questa volta a farla da padrone sono gli excipit, ma non basterà indovinate il titolo del romanzo e il nome dell’autore, oltre all’excipit dovete anche essere in grado di identificare anche la frase che fa parte dello stesso romanzo, scelta a caso.

Sono tre i titoli da indovinare, tutti best seller, e nelle frasi che seguono potete leggere i tre excipit, tre frasi interne degli stessi romanzi citati e tre frasi inserite a caso per creare casini.
Lo so che è difficile ma ci sono anche i premi:  un libro per ogni titolo indovinato.

“No grazie”, gli dissi, “lo bevo amaro”.

Il quartetto si mise di nuovo a cantare. Billy provò di nuovo quell’emozione, quella tortura. Era una cosa che sicuramente aveva a che fare con quei quattro uomini e non con quel che cantavano.

Erano all’aperto, nel cortile sul retro, sempre che si potesse definire cortile quei tre acri di noci e querce cintati da un muro di mattoni.

Cominciavamo a sentire una grande nostalgia del nostro paese, dove prima eravamo felici. I vecchi ne parlavano molto, e dei bei giorni prima che cominciassero i guai. A volte quando li ascoltavo mi veniva voglia di piangere.

Continuarono a cavalcare in direzione del fiume, le cui acque gelide luccicavano nel fondovalle, illuminate da un sole che non scaldava.

Il giorno predestinato arrivò, e noi, com’era previsto, incontrammo la nave “Jungfrau”, padrone Derick de Beer, di Brema.

Incise il movimento del mare con lo scrupolo di un filatelico.

Quella rivoluzione aveva alcunché di inquietante. Qualcosa di incomprensibile, di impalpabile, che metteva a disagio senza che se ne potesse spiegare razionalmente il motivo.

“E magari, più tardi, vedete se vi riesce di farmi avere un sacchetto di tacos di nascosto. Quelli piccanti. E magari anche della salsa al formaggio."

Dei libri in palio parlerò nelle prossime ore, voi però cominciate a giocare, non aspettate: chiedete, maleditemi, fate quello che volete, il post è a vostra disposizione.



21 commenti:

  1. Il giorno predestinato arrivò, e noi, com’era previsto, incontrammo la nave “Jungfrau”, padrone Derick de Beer, di Brema.
    La "Jungfrau" mi ricorda molto "Moby Dick" di Melville...

    RispondiElimina
  2. “No grazie”, gli dissi, “lo bevo amaro”.
    Si tratta di "il postino di Neruda" (mio padre ne è pazzo), l'autore è Skarmeta.

    RispondiElimina
  3. Fabrizio sei bravissimo, si tratta proprio di Moby Dick, ma questa frase è messa lì per creare fastidio, non fa parte dei tre romanzi. :-)

    RispondiElimina
  4. Il quartetto si mise di nuovo a cantare. Billy provò di nuovo quell’emozione, quella tortura. Era una cosa che sicuramente aveva a che fare con quei quattro uomini e non con quel che cantavano.
    "Mattatoio N° 5" di Kurt Vonnegut... dai questo lo sanno tutti!!!

    RispondiElimina
  5. Fabrizio, i romanzi prescelti hanno due frasi da indovinare, l'excipit e un'altra: trovale e indicale entrambe, altrimenti aiuti gli altri:-)

    RispondiElimina
  6. Ferruccio mi stai dicendo che il nome della nave è stata utilizzata in un altro libro?
    Porca miseria... se è così non ho idea di che libro possa essere!

    RispondiElimina
  7. No, sono nove frasi: tre sono excipit, tre sono frasi che fanno parte degli stessi romanzi citati degli excipit e tre non sono messe lì a caso... osserva bene. Appena hai un titolo sicuro con Excipit e frase commenta pure
    Vinci un libro, libri avuti in sponsor naturalmente:-)

    RispondiElimina
  8. Erano all’aperto, nel cortile sul retro, sempre che si potesse definire cortile quei tre acri di noci e querce cintati da un muro di mattoni.

    “E magari, più tardi, vedete se vi riesce di farmi avere un sacchetto di tacos di nascosto. Quelli piccanti. E magari anche della salsa al formaggio."

    Si tratta di "echi perduti" di Joe R. Lansdale!

    RispondiElimina
  9. no, mattatoio n. 5 non c'è, perché il finale è "tuu-pii-uiit" e non lo vedo.

    RispondiElimina
  10. Aggiudicato Fabrizio, nel pomeriggio dovrei postare un articolo con i libri in palio così puoi scegliere:-)

    RispondiElimina
  11. Che figura!
    Però... almeno uno l'ho preso!
    Evvaiiiiiii!!!


    P.S.: Ferruccio ti farò avere il mio indirizzo via Facebook.

    RispondiElimina
  12. Ok Fabrizio, porta qualche settimana di pazienza, perché per un decina di giorni sarò ancora in croce:-)

    RispondiElimina
  13. Ferruccio... non ci sono problemi... assolutamente!
    Anzi, devo solo ringraziarti! =)

    RispondiElimina
  14. Una decina di giorni in croce?? Ma sono POCHI, tu sei un sadico! O.O

    Hahahahaha bravo Ferruccio, bellissimo... :) Io sono fuori, non c'è nemmeno una sillaba che mi torni familiare, ma è un gioco pensato benissimo :)

    RispondiElimina
  15. Incise il movimento del mare con lo scrupolo di un filatelico.
    (...)
    “No grazie”, gli dissi, “lo bevo amaro”.


    Antonio Skármeta "Il postino di Neruda".

    Mi ha aiutato Fabrizio però! ;)

    RispondiElimina
  16. Aspetto che Fabrizio decida poi comunicherò la mia scelta...

    RispondiElimina
  17. Allora vado di Vermi Conquistatori che Prometeo l'ho già Downloadato! ;)

    RispondiElimina