sabato 14 maggio 2011

Quando finisce un amore

Questo articolo si è salvato dall’ecatombe che ha colpito la piattaforma blogger ieri e l’altro ieri. L’avevo messo in coda a questo post, anche perché in un certo qual modo vi è collegato e stamattina per miracolo si è presentato integro nella bacheca.

Sempre di lettura si parla.

Adesso se con i libri posso vantarmi di far parte del numero di persone che alza la media, con la lettura dei quotidiani il rapporto è completamente inverso. Da anni non compro più un giornale. Niente di niente. Ogni tanto sfoglio la pagina culturale, magari al bar e prendendo il giornale di un collega, mi fermò lì però.

L’ultimo quotidiano che ho acquistato è la Gazzetta dello Sport in occasione della vincita della Champions League da parte dell’Inter l’anno scorso. Ma basta.

Non li sopporto più e pensare che soltanto una mezza dozzina di anni fa ne compravo anche due o tre al giorno. Mica solo per la lettura. Con alcuni quotidiani mi sono divertito con il Sudoku e le parole crociate, però leggevo anche gli articoli. A volte li annusavo per sentirne l’odore di stampa. Ma ora mi rendo conto che questo amore è finito.

Che dite? Ho addosso qualche brutta patologia?

12 commenti:

  1. spendere un euro / un euro e venti per vedere una pagina sì e l'altra pure le chiappe di qualche futura ospite di arcore che pubblicizza un dentifricio/lametta da barba/preservativo (alla fragola!!) non mi sembra un ottimo affare.
    sono con te su tutta la linea.
    Temistocle

    RispondiElimina
  2. Io leggo meno di qualche anno fa, quando compravo due\tre quotidiani al giorno. Adesso sono due\tre a settimana.
    Cerco di resistere, però....

    RispondiElimina
  3. Non ho mai avuto un grande amore per i quotidiani,con Internet puoi reperire molte più informazioni.Comunque l'impoverimento dei quotidiani è solo un sintomo dell'impoverimento culturale del paese.
    P.S. Ho aperto un blog "The Tralfamadore Connection" a questo indirizzo:http://morettafra.altervista.org/

    RispondiElimina
  4. @ Tim: annuisco:-)

    @ Nick: però... :D

    @ Fra Moretta: visto, bravo.
    aggiornato il mio blog roll:-)

    RispondiElimina
  5. Anche io una volta leggevo i quotidiani. Poi, pian piano, ho scoperto che con internet avrei potuto informarmi con migliore qualità, freschezza e imparzialità...

    RispondiElimina
  6. Devo dire che anche io prima acquistavo molti giornali, ma alla fine ho scoperto un qualcosa di più libero e meno fazioso.....INTERNET, qui posso trovare tutto quello che cerco. Tu che ne dici???

    RispondiElimina
  7. Sfoglio qualche quotidiano al bar, più che altro per le notizie locali.
    Per il resto, l'informazione ormai passa dalla rete, e non solo attraverso i canali ufficiali e le versioni online della stampa tradizionale. In rete si trova ancora pluralismo, diversità di opinioni e di punti di vista.

    RispondiElimina
  8. Penso che i quotidiani siano ormai lontani dalla nostra concezione nella tempistica di diffusione delle notizie. E spesso sono in malafede, leccaculo, e per niente obiettivi.

    RispondiElimina
  9. @ Max: opinione più che condivisibile:-)

    @ sekhemty: la rete, il bene e il male, ma almeno siamo noi a gestirla.

    @ Ariano: come sono d'accordo:-)

    RispondiElimina
  10. Va là fai bene! Io i giornali li compro soltanto quando devo traslocare... sono perfetti per mettere via piatti, tazze e affini!! :)

    RispondiElimina