sabato 28 maggio 2011

Le profezie di Bruce Sterling

Suppongo che per molti di voi Bruce Sterling non sia un nome ignoto. Immagino che parecchi di voi siano al corrente del fatto che costui è considerato uno dei padri fondatori del Cyberpunk, visto che parecchi critici lo considerano l’ideatore teorico della corrente letteraria. D’altra parte, il buon Sterling non è soltanto un abile scrittore di racconti e romanzi, ma la sua vena lo porta anche a spaziare nel campo della saggistica proponendo spesso delle interpretazione personali e discutibili sul futuro.

Una della sue ultime uscite ha fatto molto discutere e ve la propongo affinché la possiate discutere, ipotizza la fine di facebook:

“Facebook ha i giorni contati. Ed è un pazzo chi punta sul futuro a lungo termine della geniale intuizione di Mark Zuckerberg, così come degli altri social network. Basti pensare a Myspace, che nel giro di un anno ha perso più del 70% del suo valore e dei suoi contatti”

Dal mio punto di vista, in una simile affermazione non ci trovo nulla di geniale, il mondo di Internet è in continua rivoluzione ed è del tutto probabile che anche il famosissimo social network possa finire nel dimenticatoio come tanti fenomeni apparsi con il mondo del web

In tutta sincerità non credo che ne farei una malattia nel caso scomparisse (sebbene me ne servo), tuttavia mi chiedo se anche blog come il mio o i vostri hanno, se non le ore, gli anni contati.

11 commenti:

  1. Infatti sì, di geniale ha poco! E non penso che Facebook abbia addirittura i giorni contati; se non viene fuori qualcosa di tecnicamente più valido per sapere i fatti altrui continuerà a campare, e le cifre dell'utenza sono diverse da altri social network. Sul futuro a lungo termine non ci scommetterei neanche io, certo.

    RispondiElimina
  2. Beh Ferru a sentire tanta gente anche i libri hanno i giorni ontati. Io spero sinceramente di morire prima di loro.

    RispondiElimina
  3. Certamente prima o poi verrà sostituito da qualcos'altro di migliore, questo è certo, non è che muoia da un momento all'altro. Il geniaccio si è dimenticato di dire che MySpace ha perso il 70% degli utenti perché si sono trasferiti su facebook! ;)

    RispondiElimina
  4. @ Occhio sulle espressioni: facile fare il rpofeta in questo modo eh?

    @ Michela: dei libri possiamo essere certi:-)

    @ Gian: "il geniaccio" mi piace:-)

    RispondiElimina
  5. Più che a FB penserei alla bolla speculativa, enorme, che si sta gonfiando sui mercati. Facebook non vale miliardi di dollari, niente asset e una fragilità intrinseca al suo essere una moda. Linkedin vale dei soldi, Amazon ha dimostrato di valerne tanti, Google li vale ma arrivare a teorizzare miliardi di dollari di controvalore per le azioni di FB è totalmente idiota.

    RispondiElimina
  6. In realtà credo che quella di Sterling fosse solo una provocazione, sul futuro non mi sbilancerei ma credo che: a) i blog resistano, anzi possano diventare importanti al livello dei giornali.
    b) Che i libri continunino ad esistere sotto forma di carta stampata.

    RispondiElimina
  7. @ Angelo: gli interessi che stanno alla base sono mostruosi.

    @ Nick: sì lo credo un po' anch'io ma fino a un certo punto e non sono così ottimista riguardo ai blog, tra dieci anni ci sarà chi intende lucrarci

    RispondiElimina
  8. A mio modestissimo parere FB è un tal concentrato di spazzatura che sarà difficile liberarsene ;). Bisogna dire che FB è un unico software ed è motlo facile che prima o poi cada nel baratro della speculazione o che fallisca miseramente soppiantato da qualche altra "geniale" trovata.
    Il blog è un "Concetto". E' qualcosa che sta al di sopra della mera speculazione ed è etremamente libero. Tanto che se non ti va blogger puoi passare su qualche altra piattaforma.
    Il blogging può essere fatto in 10 mld di modi e si espande a macchia d'olio senza controllo alcuno.


    Mi viene in mente la parola: VIRUS...

    RispondiElimina
  9. ragazzi, di certo in tanti hanno dato per morto facebook, i blog ecc... molte volte.......ma bruce sterling è bruce sterling! leggete ad esempio "cronache dal basso futuro", "un futuro all' antica", "caos USA" : darete più peso alle sue parole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo, li ho letti tutte e due, ottimi i:-)

      Elimina