lunedì 30 maggio 2011

Il primo plagio letterario della storia

Marco Valerio Marziale, spagnolo di Bilbilis, visse più di trent’anni a Roma, sotto l’egida prima di Domiziano, poi di Nerva e Traiano. Poeta, nei suoi epigrammi si lamentò spesso della povertà in cui viveva, chiedendo favori e ricompense.

In realtà godette di una vita abbastanza agiata e negli ultimi anni tornò in Spagna dove visse in un podere ricevuto in dono da una sua ammiratrice.

Poeta ironico e satirico, ma dotato anche di un certo lirismo risulta essere il primo autore a parlare in senso figurato di plagio letterario.  

Il poeta latino, infatti, nel suo famoso epigramma 52 accusava un rivale di aver letto in pubblico i suoi versi spacciandoli per propri.


8 commenti:

  1. Per la serie al mondo non s'inventa niente. ;)

    RispondiElimina
  2. Ferruccio m'hai riportato indietro nel tempo, all'ultimo esame fatto pochi giorni prima di laurearmi...letteratura latina III...credevo di aver rimosso quell'incubo, e invece......te possino.... ^__^

    RispondiElimina
  3. @ Nick, arriviamo sempre tardi:-)

    @ Liber@discrivere: Marziale?

    RispondiElimina
  4. Marziale è stato un grande, soprattutto attaccabrighe nei confronti del potere, di una criticità......quasi attuale.

    RispondiElimina
  5. Per la serie al mondo non s'inventa niente. ;)

    P.S.: Ho plagiato Nick...

    Pazzesco come le cose non cambino mai!

    RispondiElimina
  6. Eddy: Nick e peggio di Marziale LOL

    RispondiElimina
  7. @ferru. Sì, Marziale...100 epigrammi da studiare, con lettura in latino classico, commento grammaticale e analitico, analisi del testo.....una roba da perderci il sonno, letteralmente

    RispondiElimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Info sulla Privacy