domenica 8 maggio 2011

Il canto del cucù

Giornata quasi del tutto infruttuosa. Il sole e la temperatura gradevole ispiravano una giornata all’aria aperta, così dopo pranzo mi sono inoltrato nei boschi vicino a casa e come al solito ne ho approfittato per andare alla ricerca di rettili. Speravo di poter immortalare qualche rettile in fotografia, ma purtroppo è andata male. 

Niente di niente. A parte qualche lucertola schizzata non sono riuscito a scorgere nulla. Ero del tutto cosciente che non sarei riuscito a vedere la mia amica vipera – a proposito l’immagine in testa al blog è il suo posto principale d’insolazione – ma speravo che almeno un biacco o un saettone mi capitassero tra i piedi.

Invece, zero, come direbbe Mourinho. Ho vagato tra i sentieri del bosco come in idiota e un po’ di insoddisfazione mi è rimasta addosso, tuttavia una cosa me la sono portata a casa: il canto del cucù.

Dalle mie parti si dice che se nel mese di maggio si riesce a sentire il suo canto si è a cavallo, sino all’anno successivo si avrà fortuna.

Insomma magari sono balle dovute alla tradizione contadina, però mi accontento lo stesso.


13 commenti:

  1. Questa del cucù portafortuna non la sapevo proprio....Andrò ,allora, alla disperata ricerca del suo canto ma forse così non vale.Tu che dici?

    RispondiElimina
  2. bisogna andarci invece alla ricerca del cucù, il mese di maggio però:-)

    RispondiElimina
  3. In quanto lucertola schizzata nell'animo, so che il canto del cuculo significa caldazza in arrivo stabilmente. E son lucertola schizzata zompettante di giuoia! ;)

    RispondiElimina
  4. Preparati Charlie... arriva, anch'io non vedo l'ora di indossare braghette corte e mostrare muscoli:-)

    RispondiElimina
  5. Allora sono a cavallo, oggi in campagna da me l'ho sentito pure io il cuculo.

    RispondiElimina
  6. Bravo Daniele, e bravo anche per il GP:-)

    RispondiElimina
  7. In parlamento è pieno di rettili.
    Anche se quelli non li acchiappa mai nessuno.
    Se ne catturi qualcuno lo compro.
    A qualsiasi prezzo.
    Mi ci faccio fare un paio di scarpe e le pantofole.

    RispondiElimina
  8. Ah ecco perché lo chiamano cu-culo! Io invece ogni sera sento la civetta. Dici non è un buon segno? Ok, mi vado a buttare nel bosco, vero o non vero preferisco un cuculo a una vipera! ;)

    RispondiElimina
  9. Non so se porta bene, ma quanto meno è piacevole da ascoltare.

    RispondiElimina
  10. E se uno vede un bel serpentello nero??? Porta fortuna??? Sono appena tornato da un breve break nell'Isola d'Ischia, per curiosità andai in un bel vedere, e tra i cespugli notai un qualcosa che ricordava vagamente una gomma di una bicicletta, ma appena mi avvinai ebbi la sorpresa, era un bel serpentone tutto nero, che mi fissava....
    Purtroppo non ho avuto il tempo di fotografarlo, sinuosamente "m'ha dato buca".....

    RispondiElimina
  11. @ Gian: bella:D

    @ Ariano, più che fortuna diciamo buona sorte:-)

    @ Max: a Ischia ci sono i Biacchi? Non l'avrei mai pensato:-)

    RispondiElimina
  12. Molto meglio il canto del cucù che un serpentone strisciante

    RispondiElimina