venerdì 11 marzo 2011

Il più bel romanzo di fantascienza

Ci sono delle cose che non amo fare. Alcune importanti e alcune meno. è ovvio che le cose che devo fare per dovere – perlopiù quelle legate al lavoro - malgrado mi facciano soffrire, mi rassegno a svolgerle, ma per tutte le altre se posso esulo.
Di sicuro, una delle più terribili cose che cerco di evitare è quella di recarmi da un dentista. Ho un terrore schifo verso i gabinetti odontoiatrici. Ho sempre paura di essere assimilato e trasformato in un Borg. Per fortuna da quando ho smesso di fumare (dieci anni ormai) l’esigenza di andare in un luogo simile non si è più presentata, ma vi giuro che appena sento un ticchettio in bocca sudo freddo.
Ora non mi crea ansia e neppure timore, tuttavia anche andare dal parrucchiere a tagliarmi i capelli mi riserva i suoi bei grattacapi e non soltanto perché mi fanno lo shampoo.
Sarà che ho sempre paura di perdere qualche capello di troppo o sarà per qualche altro strano motivo inconscio, ma è sempre una barba sedermi sopra una poltrona davanti a uno specchio con alle spalle un tipo armato di forbici e quant’altro.
Non mi passa mai il tempo. 
Ultimamente, per accettare una situazione che si ripresenta all’incirca ogni due mesi, uso questo momento per pensare ad articoli da postare nel blog.
E da quando lo faccio le cose vanno sicuramente meglio.
Questo post, infatti, e succo degli sforzi intellettuali di martedì pomeriggio. 
Inizialmente pensavo a un nuovo concorso d’incipit, poi mi sono ricordato che non ho mai fatto inchieste riguardanti la cosiddetta narrativa di genere. Insomma, ho chiesto qual è stato il primo libro che avete letto e tante diverse cose, ma non vi è ho mai chiesto quale sia il miglior romanzo horror o il miglior giallo. 
State tranquilli, lo farò nelle prossime settimane.
Oggi, siate buoni e ditemi soltanto qual è il romanzo di fantascienza che preferite.

29 commenti:

  1. Ultima Luce - Alan D. Altieri

    Non sarà diffuso come tanti, tantissimi altri capolavori di fantascienza, ma merita davvero.

    RispondiElimina
  2. Beh, parlare di FS in senso generico non aiuta la risposta, perché, come ben m'insegni, la FS ha diecimila generi e sottogeneri. Comunque, dovendo proprio rispondere, citerei Ubik di P.K. Dick, ma uno qualunque dei suoi libri mi può andare bene. Così come i romanzi di Clifford Simak e ... come vedi è difficile essere precisi, perché sicuramente, avendone letti a centinaia, dimenticherò quello che, quando l'ho avuto, avrò detto: questo è stato il migliore in assoluto.
    Temistocle

    RispondiElimina
  3. Grazie Enzo, sono piuttosto scarso per quanto riguarda la fantascienza italiana e ne terrò in debita considerazione:-)

    RispondiElimina
  4. Tim: Ubik, gran libro.

    Per il resto hai ragione ma l'ho fatto per non complicare la vita ai lettori: il primo che viene in mente del genere in senso ampio:-))

    RispondiElimina
  5. MMM...direi
    " Il caso Jane Eyre". Conosci?
    Giacomo

    RispondiElimina
  6. Qualcuno della saga della Fondazione di Asimov.

    Poi Ritorno al domani di L. Ron Hubbard.

    RispondiElimina
  7. Hyperion, di Dan Simmons.
    Senza nemmeno un piccolo dubbio.

    RispondiElimina
  8. @ Giacomo: no, non lo conosco, fammi una bella recensione XD

    @ Daniele: due autori un po' ostici per me. Di Asimov preferisco di gran lunga i saggi ai romanzi e Hubbard, bah... mi fa un po' paura. Non voglio finire come Tom Cruise XD

    RispondiElimina
  9. @ Il grande marziano: una voce che non posso non considerare, notando da dove arriva:-)))

    RispondiElimina
  10. E come si fa a citarne uno solo?

    Uff...

    Fondazione e Terra (Asimov)
    Randevouz with Rama (Clarke)
    Eudeamon (Erica Moak)
    Metallo Urlante (Evangelisti)
    Notturno (Asimov-Silverberg)
    Non Lasciarmi (Kazuo Ishiguro)
    Il Condominio (Ballard)
    The Time Traveler's Wife (Niffenegger)

    e altri...

    RispondiElimina
  11. @ Glauco: Fiuuuu. si è sentito il fischio?

    RispondiElimina
  12. Ce ne sono troppi per poterne scegliere uno solo, e molti sono già stati citati :)
    Quindi interpreterò la tua domanda a modo mio, e invece che dirti qual'è il miglior libro di fantascienza che ho letto, ti dirò qual'è quello a cui sono più affezionato: Fahrenheit 451 di Bradbury.

    Per il resto, se il barbiere ti causa angoscia, la soluzione è semplice: diventa capellone ;)

    RispondiElimina
  13. Forse perché è l'ultimo che ho letto, ma Hyperion è uno dei libri più originali degli ultimi anni.

    Nel cuore comunque mi rimane sempre la Fondazione del buon Dottore.

    Bye.

    RispondiElimina
  14. Neuromante.

    CAZZO CAZZO CAZZO se lascia il segno!

    RispondiElimina
  15. Anch'io sono scarsino a fantascienza letteraria (ma non cinematografica...) e un migliore totale non saprei definirlo. Ne dico uno che ricorre spesso nella mia mente: "Il pianeta morto" di Lem.

    RispondiElimina
  16. @ Sekhemty: s' mi farò crescere i capelli:-)
    @ Michela: certo certo, non ti arrabbiare XD

    RispondiElimina
  17. @ Munzic: la vedo come te riguardo a Hyperion:-)

    @ Occhio sulle espressioni: Lem è un grande, senza ombra di dubbio:-)

    RispondiElimina
  18. Anche se possiede contaminazioni horror, Tommyknockers di Stephen King è un romanzo di fantascienza a tutti gli effetti: un'astronave sepolta da millenni in un bosco, la sua nefasta influenza che inizia a esercitare man mano che viene disseppellta, la malvagità di un specie forse estinta da secoli, il tutto raccontato col fantastico stile kinghiano.
    Imperdibile.

    Ma potrei citare anche Ray Bradbury, il poeta della fantascienza, con uno dei suoi straordinari racconti: Rumore di tuono, La Centrale, Erano Bruni Con Gli Occhi D'Oro, Ricamo.

    Anche Arthur Clarke ha scritto roba parecchio ispirata, a me è piaciuto particolarmente Rama II, il seguito del già buono Incontro con Rama. L'immaginazione profusa nel descrivere un oggetto del tutto alieno, dallo scopo indefinibile e senza traccia dei suoi creatori, è straordinaria.

    RispondiElimina
  19. non riesco a dare una sola risposta, visto che la fantascienza è il MIO genere. posso citarne alcuni, ma indicare un preferito assoluto non mi riesce:

    Vernor Vinge - A fire upon the deep
    Dan Simmons - Hyperion
    Robert Heinlein - Straniero in terra straniera
    Ursula Le Guinn - La falce dei cieli
    Theodore Sturgeon - Cristalli sognanti
    Audrey Niffenegger - La moglie dell'uomo che viaggiava nel tempo
    Walter Tevis - Mockinbird


    e non ho citato i racconti e i libri che fanno parte di saghe più ampie...

    RispondiElimina
  20. Grazie Piscu, il primo non lo conosco, ma gli altri sì. Ah complimenti per "Minuti contati":-)

    RispondiElimina
  21. @ Luca: i tuoi commenti sono sempre precisi e degni di nota. King lo collego a una dimensione horror, anche se mi rendo conto di essere superficiale facendo una tale considerazione. Ma Bradbury e Clarke sono tra i miei preferiti:-)
    Grazie

    RispondiElimina
  22. quello di Vinge in italiano è "universo incostante", ma in questo caso (come in quello di Tevis) ho preferito citare il titolo originale.

    RispondiElimina
  23. I testi Science fiction ottimi sono tanti, ma dovendo scegliere direi:
    Fahreneit 451 di Bradbury a pari merito con Hyperion di Simmons. Mi fa piacere ,avendo letto i commenti precedenti, di non essere l'unico a pensarla così.
    Tra i racconti aggiungerei Storia della tua vita del bravissimo Ted Chiang.
    Ciao.

    RispondiElimina
  24. Grazie Nick le idee me le avete date:-)

    RispondiElimina
  25. quoto Gloutchov che vale per altri: come si fa ad indicarne uno solo??????? domanda infamissima ferru!!!!!!

    RispondiElimina
  26. Ciao Ferruccio, fantascienza dici? Ecco il mio "best of":
    1) Neuromante - William Gibson
    2) Dune - Frank Herbert
    3) The Dervish House - Ian McDonald
    4) Snow Crash - Neal Stephenson
    5) The Diamond Age - Neal Stephenson
    Non necessariamente in quest'ordine.

    RispondiElimina