giovedì 3 febbraio 2011

Un omaggio a un grande compositore

Con l’articolo odierno non parlo né di scrittori celebri né di scrittori emergenti. Non ho intenzione di segnalare qualche strano primato letterario e neppure voglio postare un racconto o il capitolo di un romanzo. Oggi, voglio limitarmi a ricordare un grande  musicista,  ma voglio farlo in maniera leggera e delicata, giacché si tratta soltanto di un omaggio doveroso al suo valore.

Domenica scorsa è deceduto per un attacco cardiaco, nella sua casa di  Oyster Bay, John Barry, trombettista e compositore britannico.

Aveva settantotto anni ed è stato uno tra i più grandi autori di colonne sonore cinematografiche di tutti i tempi, tanto da ricevere nella sua carriera ben cinque premi Oscar.

La sua musica ha colonizzato telefilm in televisione  (“Ufo” e “Attenti a quei due”),  prime visioni leggendarie (la serie di “Bond” e “Balla con i lupi”) e canzoncine spacca cuore.
Insomma dubito, anche se non amate il genere, che non abbiate sentito anche per caso un suo tema o una sua melodia.
Io vado pazzo per la sua musica e la passione parte da molto lontano. 

Potrei dire che risale a quando suonavo il sax soprano in banda e spesso si eseguiva  qualche suo brano. Ma forse il tutto è dovuto al fatto che si tratta soltanto di buona musica.

Ora, io amo un po' tutti i generi, ma le sue colonne sonore  mi rilassano quando sono  in auto e mi aiutano a concentrarmi quando vado a correre sui sentieri di montagna e forse ne traggo anche qualche beneficio inconscio.

Non lo so!

Certo alla fine la sua musica non mi mancherà, ho la casa piena dei suoi cd e di film, credo però che rimarrà qualcosa di insostituibile.


4 commenti:

  1. John Barry.
    Immancabili nei miei ricordi UFO e THE PERSUADERS, da vecchio appassionato di serie inglesi ai miei occhi,lui è e rimarrà sempre uno degli artefici del mito.

    RispondiElimina
  2. Non me lo dire Nick:-)
    un fenomeno:-)

    RispondiElimina
  3. Un grande.
    Una grande perdita.
    Un'immensa eredità in musica.

    RispondiElimina
  4. @ Luca, fortunatamente c'è il tuo blog, altrimenti avrei scoperto la sua morte un mese dopo:-)

    RispondiElimina