venerdì 18 febbraio 2011

Si usano i dizionari on line?

In un articolo del mese di ottobre avevo trattato i  vocabolari. Ne avevo sottolineato l’assoluta dipendenza che ho nei loro confronti, sia per quando scrivo racconti o cartelle di romanzo sia per la più semplice stesura di un post del blog. Confesso che non riesco a farne a meno. Il dizionario è lì vicino al computer pronto a essere aperto e consultato a ogni evenienza, come un buon amico sempre disponibile.
Ora è successo che ricercando notizie per la realizzazione di un ennesimo post per la categoria “primati letterari” mi è capitato tra i piedi un dizionario on line gratuito e sono rimasto un po’ sconcertato.
Io uso il correttore di word, ma sino a un certo punto. Non mi fido in poche parole. Sarà che ho bisogno di sentire l’odore della carta, ma le parole che fisso nelle mie storie devono sempre essere certificate da un buon e vecchio sano dizionario. Però dopo aver visto le potenzialità di certi strumenti on line ho fatto qualche considerazione e mi sono sentito sorpassato: che sia il solo a utilizzare ancora un dizionario cartaceo?
Naturalmente continuerò a farlo. Continuerò a usufruire di un volume ben pesante, tuttavia sentire qualche vostro parere in merito alla faccenda mi sarebbe utile. Vuoi vedere che magari, sono il solo a non utilizzare questi fenomeni digitali.  

18 commenti:

  1. Io ho vicino la tastiera del PC il "Dizionario dei sinonimi e contrari" della De Agostini, il "Dizionario fondamentale della lingua italiana" (sempre DeA) e il 'mitico' Gabrielli in due volumi, su cui ho fatto un post qualche tempo fa. Li consulto ogni giorno e non mi fido dei vari dizionari on-line che si trovano in giro. Anche il correttore word lo uso 'cum grano salis', se non per l'ortografia spiccia.
    Temistocle

    RispondiElimina
  2. @tim, dei tuoi dizionari mi avevi già parlato in un post precedente, vedo che sei diffidente come il sottoscritto con le cose online:-)

    RispondiElimina
  3. Devi scusare la mia ripetitività, ma l'età avanza e la vecchiaia incombe! Finché mi sopportate ...
    Temistocle

    RispondiElimina
  4. @ Tim, tranquillo, è che mi ricordo dei tuoi vocabolari, anche perché per preparare questo post, mi sono riletto il post precedente:-)

    RispondiElimina
  5. io sono una dizionario online dipendente, ci pensavo poco fa che ho riletto un po' di cose che scrivevo quando ancora si usava la penna e non la tastiera... (della serie come facevo a scrivere, senza consultare molteplici dizionari ogni 5 minuti?!).
    però, siccome, anche a me il dizionario online non trasmette tantissima sicurezza (ma perché dovrebbero essere meno attendibili di un cartaceo?), alcune cose di cui non sono certa le cerco in diversi dizionari!
    e anche comunque un dizionario in carta sta sempre accanto a me.
    e del correttore di word non mi fido per niente.

    RispondiElimina
  6. Io sono come te, di quelli online non mi fido. Ho recentemente acquistato lo Zingarelli, due anni fa, e un giorno vorrei anche comprarmi il Treccani.

    Online consulto solo quello ingelse, durante la mia lettura di libri in inglese quotidiana. Ma solo per questione di velocità, non so una parola e al volo la trovo.

    RispondiElimina
  7. @ Tim/Temistocle - perchè scusarsi per un'età che non dimostra? Personalmente la ritengo un uomo giovane.
    @ Ferruccio Gianola - usavo un "garzantino" per il mio lavoro, ma da qualche anno - vecchio e pensionato - mi trovo bene con la versione ridotta del Concise Oxford - Paravia - Italian Dictionary: English-Italian e Italian (solo 671 pagine!) English.
    Forse per questo, a volte, m'invento parole chincagliose che non trovano riscontro :)
    Un cordiale (un liquore? - ma no compare mio...) saluto a tutti i ferrugianoliani.

    RispondiElimina
  8. @ Frank Spada: quasi quasi arrossisco ... E' vero che uno ha l'età che si sente e che 50 anni non sono molti, anzi per qualcuno sono la pienezza della vita; ma l'età si raffronta anche in base a quella degli altri ed io, oggettivamente, supero abbondantemete di un decennio tutta la bella gente del 'giro'. Devo fare una visita al suo/tuo blog. (a proposito si fanno sempre begli incontri a casa di Ferru!)
    Temistocle

    RispondiElimina
  9. @ Tim/Temistocle - era solo un modo per affermare che il dizionario migliore è leggere, leggere, leggere...
    Quanto all'età, legga l'imtervista rilasciata da uno pseudonimo (online su Critica Letteraria) dove... insomma, quest'anno lui corre per i 73, io lo rincorro retrocedendo nel passato, mentre lei... un giovanotto, al max ...tone!
    Buona domenica a tutti.
    Frank Spada

    RispondiElimina
  10. La penserei esattamente come te... se potessi :)
    Col fatto di fare vita nomade, col fatto che qui a Roma ho un territorio davvero poco esteso, devo ridurre all'essenziale e ottimizzare: quel che posso tenere nel mio adorato Ocelot (il mio piccio), o raggiungere online, deve necessariamente rimanere lì.
    Questo non mi ha impedito di acquistare, e consultare quando sono a casa mia, dizionari di italiano, latino, greco, romeno, inglese, francese, tedesco, spagnolo, sinonimi e contrari, dizionario enciclopedico...
    Tutte quelle lingue straniere non le parlo, ma adoro il loro suono, leggo libri e ascolto trasmissioni radio in tutte le lingue neolatine :)

    RispondiElimina
  11. Anche io sono per la versione cartacea...la pigrizia mi allontana sempre l'idea di comprarne uno nuovo. Uso ancora quello delle superiori..e visto che si parla di età, ecco, diciamo che le pagine iniziano ad ingiallire! Online però wikio che è un piacere, e traduco dall'inglese. :)

    RispondiElimina
  12. Carissimo! Anche io diffido delle cose online..anche dei potenziali e-dictionary. Non fraintendermi.." non la penso all'antica" e tantomeno " non sono chiuso mentalmente alle innovazioni" però preferisco prendere confidenza con un volume cartaceo, sfogliarlo e averlo sottomano. I dizionari on-line sicuramente saranno affidabili, aggiornati costantemente con nuovi termini e sempre alla ricerca di qualche termine nuovo, ma cartaceo fa più al caso mio e sarei più invogliato a predere qualche spunto ;-)
    Giacomo

    RispondiElimina
  13. Grazie mille a tutti ho appena installato il nuovo mac e sono un po' impedito:-)

    RispondiElimina
  14. Personalmente credo che rappresentino un buon supporto ai "vecchi" dizionari cartacei. Inoltre, a causa del mio lavoro mi capita spesso di usare dizionari online anche nelle altre lingue e devo dire che sono molto utili :-)

    RispondiElimina
  15. Io praticamente uso SOLO quelli online...tranne quando proprio non trovo una parola e allora mi decido a prendere il mattone(il che è estremamente difficile). Sarà che sono LA PIGRIZIA incarnata.

    RispondiElimina
  16. @ Luca: credo di aver bisogno di un po' d'esperienza:-)

    @Eva: buono a sapersi, imparerò:-)

    RispondiElimina
  17. io uso sempre sinonimi e contrari Virgilio :)

    RispondiElimina
  18. Ciao, io mi trovo bene ed uso molto spesso questo Dizionario dei sinonimi: http://sinonimicontrari.com

    RispondiElimina