giovedì 10 febbraio 2011

Liberi di respirare

Agosto 2040. Bruxelles. Scatterà dal primo gennaio 2041 l’obbligo di pagare, da parte di tutti i cittadini appartenenti agli stati della Comunità Europea, la tassa annuale esistenziale. Un provvedimento assurdo che ha già sollevato parecchie forme di protesta e di rivolta tra gli abitanti dell’Unione. 
La tassa, di 100 euro annue, dovrà essere versata in trance unica al proprio comune di residenza entro il 31 gennaio dell’anno di pagamento previsto e dovrà essere versata da tutti i soggetti iscritti all’anagrafe.  
Il provvedimento volgarmente chiamato “cresta sull’aria che respiriamo” ha suscitato grandi polemiche, ma l’esempio pare che sarà attuato anche in altri stati del mondo visto che  in lizza per adottare lo stesso provvedimento ci sono gli Stati Uniti d’America, la Cina e il Brasile.
Chi non verserà l’obolo sarà confinato in casa sino al versamento della cifra pattuita e non potrà aprire le finestre della propria abitazione per utilizzare l’aria pubblica.
Un’altra legge irrazionale, ancora più assurda di quella sull’abbronzatura imposta quattro stagioni estive fa.
Beffa nella beffa, sembrerebbe che, nel caso di morte nell'anno appena pagato, non si avrà diritto a nessun rimborso.
Cosa aspettate? Manifestate il vostro dissenso con un semplice commento contro questa nuova forma di ingerenza politica.

15 commenti:

  1. SIAMO UN PAESE DI NAVIGANTI ALLA DERIVA
    In cerca di un faro che non c’è
    Sballottati come fuscelli nella tempesta
    Mediatica .
    Le voci delle sirene offuscano le menti dei marinai
    Portando la nave senza nocchiere verso gli scogli.
    dovremmo metterci i tappi nelle orecchie
    e andare avanti come i marinai di ulisse
    solo cosi possiamo sperare che l’odissea abbia fine. AV

    RispondiElimina
  2. Beh, tenendo conto che c'è una tassa sull'acqua piovana che dai canali di scolo dei palazzi arriva sui marciapiedi, ci manca poco. Vuol dire che per una volta saranno avvantaggiati asmatici e quelli che soffrono di enfisema, che così risparmiano. Quasi quasi mi metto a fumare!
    Temistocle

    RispondiElimina
  3. Mi sa che la applicheranno molto prima del 2040...
    Anzi, cancella questo post perchè se lo legge Tremonti siamo rovinati :(

    RispondiElimina
  4. Attento che domani nei blog, siti e forum complottisti si solleverà un casino bestiale...
    Qualcuno la prenderà per vera...

    RispondiElimina
  5. Sono gia video controllato H24, pago regolarmente i vari oboli impositivi, vivo in una contea del sud iTALIA dove il Signore distribuisce tozzi di pane alle folle eccitate...in effetti se con 100 euro qualcuno rimarrà a casa forse ci sarà qualche coglione in meno per le strade...ora pro nobis...e amen

    RispondiElimina
  6. Starei attento a pubblicare queste cose, rischi che qualche rappresentante del governo o di qualche amministrazione locale capitino qui e ti rubino l'idea.

    Qualche giorno fa ho saputo che in un paese vicino a dove abito io, c'è una vigilessa che fa le multe a chi lascia la spesa nelle auto parcheggiate davanti ad un supermercato. La motivazione? Incoraggiamento al furto.
    Non è uno scherzo.

    RispondiElimina
  7. Quante storie, Ferruccio... 100 euro al giorno d'oggi cosa vuoi che siano... io mi ricordo ancora trent'anni fa, nel 2011, quando servivano a qualcosa...
    Beh certe cose però non sono cambiate, i politici sono ancora gli stessi e ancora si divertono allo stesso modo di allora!

    Anzi che non è passata la versione di Calderoli, che prevedeva di allineare la posizione di chi non pagava la tassa sull'esistenza in vita uccidendolo...

    @Sekhemty: SANTIDDIO... ma scrivi a qualche giornale, publica la notizia... questa è troppo bella per tenerla nascosta!
    Al limite chiama "il ruggito del coniglio" che la mettano nella Top vergognation! E' FANTASTICA! :D

    RispondiElimina
  8. Grazie mille ragazzi, dei consigli e delle vostre considerazioni, il periodaccio è quasi finito e da martedì prossimo dovrei riprendere in mano la situazione ed essere più presente:-)

    RispondiElimina
  9. Assurdo sull'assurdo e sull'assurdo ancora. Non poter respirare l'aria pubblica perchè non si paga una tassa sulla vita, non poter socializzare se non con i coinquilini e addirittura non ricevere alcun rimborso in caso di morte. Per risolvere questa situazione dovremo chiamare o " il Gabibbo" o " Le Iene " in modo che consapevolizzino la Comunità Europea a ciò che si sta andando incontro... Se neanche ciò dovesse funzionare vivremo in un mondo governato dalla follia allo stato puro! Giacomo

    RispondiElimina
  10. Matto in più matto in meno, ecco la mia idea (espirare l'aria di Napoli mi ispira):

    Potremmo impiantare dei filtri sul tetto delle nostre case (sul tipo dei pannelli fotovoltaici) collegati ad un depuratore. d'aria. Poi, mediante un "respirometro" potremmo misurare la quantità d'aria pura che produciamo e quella che consumiamo. La nostra aria depurata che rimane in eccesso la potremmo vendere noi al Comune.

    Un po' come accade con l'elettricità, soltanto che invece che in Watt, la dovremmo misurare in Bar... si potrebbe avere addirittura degli incentivi per l'istallazione degli impianti...

    ...che dite, funzionerà?

    Obj

    RispondiElimina
  11. Ci sarà sempre qualche pezzente che vuole approfittarne... però l'idea non è male:-)

    RispondiElimina
  12. @sekhemty: lasciare la spesa in macchina non costituisce reato né alcuna infrazione, quindi la vigilessa andrebbe denunciata per abuso di potere e rimossa dal suo incarico.

    RispondiElimina