martedì 4 gennaio 2011

Saluti dal primo libro del 2011

Un post simile non posso aspettare a proporlo. Si corre il rischio di dimenticare quale sia stato e  non voglio che succeda. Siamo già al quattro gennaio e sapete anche voi che sarà un attimo arrivare di nuovo alla fine di un anno. E quello che voglio chiedervi mi interessa davvero. Insomma, mi piacerebbe ricevere da voi un commento in cui mi indicate quale sia stato il libro che vi ha salutato per primo con l’anno nuovo. Salutato, sì!
Mi spiego: intendo il primo libro che avete sfogliato, che poi lo abbiate già letto o sia all’inizio non riveste la minima importanza, ma dovete fare uno sforzo e ricordarlo.
Io, per esempio, ho aperto per primo, mezz’ora dopo essermi alzato dal letto, “Città della pianura” di Cormac McCarthy. Un libro che in realtà ho letto cinque anni fa. Ma l’altra mattina ero curioso di capire come lo scrittore americano aveva realizzato certi effetti narrativi e per qualche strano motivo sono andato a ricercarli lì. Qualche ora dopo, ho dato un’occhiata alla prima pagina di Moby Dick, ma questo lo faccio un giorno sì e un giorno no, visto che ci vedo una metafora della mia vita. Soltanto nel pomeriggio ho principiato un libro nuovo di zecca.
Dunque, se assomigliate al sottoscritto nelle letture, non è detto che si tratti di un libro nuovo di zecca, quello che vi ha fatto per primo gli auguri. J

21 commenti:

  1. I promessi sposi, che ho iniziato a leggere a dicembre e sto ancora leggendo :)

    RispondiElimina
  2. l'educazione siberiana

    giuseppe tararà

    RispondiElimina
  3. Risposta molto facile: si tratta del primo libro del ciclo di Dune, di Frank Herbert, che ho iniziato proprio il 31 dicembre :)

    RispondiElimina
  4. "L'onda misteriosa", raccoklta di fantascienza cinese regalatami da Nick.
    Temistocle

    RispondiElimina
  5. Around the World with Auntie Mame di Patrick Dennis, ricevuto a Natale e subito iniziato, è ancora in corso di lettura. Molto divertente e consigliato! Prima di Dennis avevo letto solo Zia Mame e Povera Piccina (questi due, tradotti e pubblicati da Adelphi) ma è bastato per innamorarmene.

    RispondiElimina
  6. Scialle nero, un racconto di Pirandello.

    RispondiElimina
  7. Be' non scherza con i libri qua dentro.

    grazie mille, ragazzi

    RispondiElimina
  8. Io sono alle prese con la trilogia della Fondazione.
    Di Asimov non avevo ancora letto niente.
    Mi feci consigliare qualcosa in vista del Gran Premio con tematiche fantascientifiche (di cui non sono un grande esperto).
    Ho iniziato con la trilogia. E la trovo fantastica!

    RispondiElimina
  9. Letta, la trovo troppo dialogata per i miei gusti, però crea un mondo nell'immaginario fantascientifico, insuperabile...

    dai dai Attilio non inventare balle, lo so che tirerai fuori qualcosa di buona anche in quel GP

    RispondiElimina
  10. Io mi sono fatto traghettare nel nuovo anno da Invisibile di Paul Auster...
    Viva i romanzi e chi li ama!
    Ciao! :D

    RispondiElimina
  11. @ Ciao a te Zio, benvenuto - complimenti per la fantasia (visto il tuo blog davvero interessante)

    RispondiElimina
  12. Ciao Ferruccio, giusto un attimo per comunicarti la vincita di questo importantissimo premio,, vale quanto un milioni di libri, il Sunshine Award.....:-D
    http://correntedipensiero.blogspot.com/2011/01/sunshine-award.html

    RispondiElimina
  13. Ho cominciato l'anno leggendo IL £& GIUSTO di Claudio Vergnani.
    Molto bello ed appassionante.
    Non male per uno che,leggendo la sua biografia,è sempre stato uno che nella vita ha combinato ben poco ed ora con la scrittura sta dando punti a "letterati" che pubblicano da anni.

    RispondiElimina
  14. "NON C'E' SILENZIO CHE NON ABBIA FINE" -i miei sei anni di prigionia nella giungla colombiana.
    di Ingrid Betancourt

    ciao e ...bentrovato (merito del blog di Mark dove ho "rubato" il nome del blog)

    RispondiElimina
  15. @ Nick : perfetto.

    @ Chica: grazie e benvenuta:-)

    RispondiElimina
  16. Ah, io ero alle prese con Camilleri ed Il sorriso di Angelica (ma son già passati quattro giorni, figurati se ricordo!)

    RispondiElimina
  17. I saggi di Montaigne che ho letto anni fa. L'ho ripescato perchè cercavo qualche bella citazione da inserire nei miei post e ne ho trovate diverse.

    RispondiElimina
  18. Mannaggia non me lo ricordoooo!!

    Ah no aspetta.... "Non è un paese per vecchie", della Lipperini.

    RispondiElimina
  19. Vedo che tutti abbiamo iniziato nel modo migliore: con un libro:-)))

    RispondiElimina
  20. Creatura di sabbia di Tahar Ben Jelloun, molto diverso dai miei soliti orizzonti, mi preparo per nuovi viaggi :)

    RispondiElimina