mercoledì 5 gennaio 2011

Abbasso la tecnologia

Stamattina ce l’ho con la tecnologia. E parecchio! Con la tecnologia digitale. Per essere precisi con il digitale terrestre della televisione in primis. Potrei lamentarmi anche della connessione satellitare di Internet. Ma va be’… un passo alla volta.
Credo che ormai sappiate che abito in un paesino disperso tra i bricchi alpini, ma stamattina i bricchi alpini sono ancora più distanti dalla civiltà. 
Sul televisore non vedo nulla. Niente. “Nessun segno” come avrebbe a dire il generale di Massimo Decimo Meridio. Tutto morto.
Non che ieri la situazione fosse di molto migliore. Da quando c’è stato lo switch off dell’analogico sono spariti quei pochi segnali televisivi che vedevo. A parte i tre canali principali della Rai e Rai News da due mesi non vedo altro... pardon  vedevo.  Per non parlare dei guai che il decoder mi ha provocato. Il videoregistratore è inutilizzabile più o meno da quando ho installato quel maledetto marchingegno  e da stamattina non riesco neppure a utilizzare il lettore DVD. 
Probabilmente sarò costretto ad acquistare un televisore di nuova generazione, oppure qualche tecnico mi dirà che la colpa è della vecchia antenna. Boh, può darsi! Dubito, in ogni caso, che risolverò i problemi. Credo che il problema sia più in alto. E pensare che quando ero piccolo non avevo che l’imbarazzo della scelta: vedevo anche la tv svizzera allora e avevo una semplice antenna televisiva e un televisore senza telecomando.
Eh sì, amici, la tecnologia è proprio grandiosa. L

16 commenti:

  1. La vera tecnologia è qualcosa che migliora la vita dell'uomo, non che la peggiora.

    Il digitale terrestre è un'enorme fregatura, che ha obbligato gli italiani a fare una spesa inutile in un periodo di grande crisi economica.

    Anche da me a Roma, zona centro, il segnale va e viene. Spesso non c'è oppure le immagini sono distorte e perdono pezzi.

    Non ho ancora capito dove sia il vantaggio. Non c'è differenza sulla qualità dell'immagine, anzi prima la tv si vedeva e adesso no. E ricordo anch'io quando vedevo la tv svizzera con un piccolo 12 pollici in bianco e nero e una piccola antenna.

    Il videoregistratore è, come dici tu, diventato inutilizzabile. Eppure registrare programmi per uso personale non è vietato.

    Sei quindi costretto a comprare, sempre in periodo di crisi economica, un TV ultima generazione.

    Per me il televisore andrebbe usato solo come un proiettore, per vederci i dvd.

    Per non parlare della musica. Io non riesco a trovare un amplificatore, a meno di spendere oltre 200 euro, che mi pare eccessivo. Ah, già, adesso ci sono quei cosi per sentire gli mp3, che vanno infilati nei buchi delle orecchie... no, io voglio sentire dei normali cd in un normalissimo stereo, non voglio infilare nulla nei buchi del mio corpo.

    Hai un alleato, se non l'hai capito :D

    RispondiElimina
  2. Che fregatura Daniele, stamattina sono proprio inverso:-((

    RispondiElimina
  3. Il videoregistratore va usato in modo diverso. Quando selezioni il canale col timer, invece di scegliere "Rai 1" o "Rai 2", devi scorrere fino a trovare "AV 1" o "AV 2", (a volte "A1" e "A2"). Devi vedere su quale AV ti arriva il segnale (si spera che arriverà :-) e lasciare il decoder acceso sul canale che vuoi registrare (lo schermo tv lo puoi anche spegnere).
    A casa mia ha funzionato.

    RispondiElimina
  4. @ Grazie Ariano, per ora la disinstallato e mandato a pulire le testine:-)

    RispondiElimina
  5. @ Ferru: pensa a tutte quelle povere vecchiette che il pomeriggio cercano di vedere qualcosa perché è l'unca cosa che possono fare, magari da un letto e si trovano i quadratini o lo schermo buio. Te le immagini col telecomando in mano a dover risintonizzare ogni paio di giorni il decoder? già io per imparare a farlo ci ho messo una settimana!
    @ Ariano: anch'io ho lo stesso problema col videoregistratore. Quindi bisogna fare come dici tu? ma così bisogna lasciare il televisore sul canale che ti serve registrare, anche se spento. Cioé non posso registrare un canale e vederne un altro?
    Temistocle

    RispondiElimina
  6. @ Tim: mi madre ha un'idiosincrasia ormai per la televisione... non devo parlarle di digitale, povera:-)

    RispondiElimina
  7. Non che tu ti perda chissacchè..
    La scelta dei canali diventa sempre più ampia.
    Programmi che valga la pena guardare sempre ce ne sono sempre meno.
    Ciao..piacere Grace..passo da qui..dopo averti individuato tra i premiati di Mark in Officina in tasformazione...
    Questo è il bello dei premi nella BLOGSFERA..ti danno l'opportunità di fare delle belle scoperte!

    RispondiElimina
  8. @ Grazie Grace, per la visita e anche per i consigli... Mark è un grande:-))

    RispondiElimina
  9. Il discorso del digitale credo che sia una decisione della comunità Europea che ha obbligato le reti Televisive dei paesi membri a passare al Digitale(a Gennaio dovrebbe essere il turno anche della Slovenia),ma su questa cosa potrei sbagliare.In Italia poi è diventato lo specchietto per le allodole per far vendere le tessere premium e consentire a mediaset di fare concorrenza a Sky.
    In teoria la visione sarebbe migliore,in pratica capita spesso che col maltempo il segnale sia disturbato.Poi ci sono casi come il tuo ma anche quelli della zona di Portogruaro dove ad esempio la rai non viene presa ,Mediaset sì però.
    Credo che a Portogruaro (dove non vedono la Rai) potrebbero anche arrivare a fare class action alla Rai,almeno a sentire l'edizione online del Gazzettino.
    Benvenuti nell'epoca delle conquiste sociali.;)
    Nick "ma vogliamo mettere il fascino dei vecchi vinili".

    RispondiElimina
  10. Io la TV l'ho buttata alle ortiche da più di dieci anni...
    ancora ricordo la sera esatta in cui l'ho spenta per non riaccenderla MAI PIU...

    Stavo cenando (sofficini, mi ricordo benissimo) mentre guardavo E.R., quello dei medici... c'era la storia di uno che era stato buttato giù da un ponte.
    Aveva una paralisi progressiva, nell'arco di un'ora sarebbe stato ridotto a un vegetale.
    Io mangiavo sofficini, mentre lui diceva le ultime parole alla moglie prima di iniziare i successivi trent'anni della sua vita come una pianta in vaso...

    Ho spento.
    Credimi, non mi manca neanche un po'! :D

    RispondiElimina
  11. Azz...si parla di me a mia insaputa...e poi pure una lusinga...colllllegatevi subito alla TV chiamo un amico e mi metto in palinsesto...pensavo alla De Filippi o a Minchiolini...vabbè Ferruccio te la vedi in replica...;-)

    RispondiElimina
  12. Ciao Ferruccio. È il tuo primo post che leggo, e mi spiace che il contenuto sia amarognolo. ;)
    Sulla tecnologia (quella vera e quella finta) potrei dirti molto, ma sostanzialmente il pensiero di Daniele (primo commento) è anche il mio, deve essere qualcosa che ti fa vivere meglio.
    Da sempre mi interesso di usabilità degli oggetti, e purtroppo devo constatare che il progresso non va (sempre) di pari passo con la semplificazione delle nostre vite.
    Non ho il digitale terrestre, e come la tua storia ne ho sentite tante: roba da Fantozzi, sul serio.
    Sono certo che un giorno, i nostri figli/nipoti sghignazzeranno di tutta questa storia, e compatiranno profondamente le loro bisnonne che cercavano di scorgere una scintilla in quello schermo diventato improvvisamente buio.
    Non ho soluzioni per te, ma potrei dirti: forse è un segno.
    Abbandona quello schifo di tv. Se proprio vuoi vederne, considera un abbonamento satellitare: dà più scelta, più qualità, zero grattacapi tecnici e costa come due pizze e due birre al mese.
    Felice 2011. ;)

    RispondiElimina
  13. Ho passato il capodanno a Moggio e la situazione era identica: si vedevano Rai 1, 2, 3 e 4, RaiNews. Fine.
    Qui a casa invece, a 16 km da Milano, non riesco più a prendere Rai 1, 2 e 3.
    Insomma, 'sto digitale mi pare proprio un'inculata coi fiocchi.

    RispondiElimina
  14. @ Nick: vedo che ogni mondo è paese.

    @ Michela: ottima scelta, mia fratello a Bergamo non sa cosa sia la televisione, ma lui passa la vita a suonare la chitarra :-)))

    @ Mark, sì: farò tesoro della replica:-)

    RispondiElimina
  15. @ Luca: grazie degli auguri per cominciare. Ormai il tuo blog lo visito quotidianamente e sei un fonte di informazione irrinunciabile:-))

    RispondiElimina
  16. @ Alex, mi sa che ci siamo incrociati in macchina, se non fisicamente allora. sono astato anch'io a Barzio e a Moggio in questi giorni:-))
    Per quanto riguarda la tecnologia be'... fa davvero male prenderla in quel posto:-))

    RispondiElimina