domenica 7 novembre 2010

Noi siamo senza Dio

Domenica prossima inizio a postare un mio romanzo, Noi siamo senza Dio. Posterò un capitolo ogni settimana. Sino a Natale, suppongo, mi limiterò a inserire i capitoli come semplici articoli del blog. Ma durante le vacanze spero di trovare  il tempo necessario per impaginare in maniera corretta il lavoro affinché sia più leggibile ed accattivante a livello di lettura.

Sperando di fare cosa gradita vi invito a leggerlo e a commentarlo, presentandovi oggi una breve sinossi del lavoro.
Il titolo è “Noi siamo senza Dio” ed ha come soggetto la malvagità umana evidenziata da questa massima di Golding: “L’uomo produce il male come le api producono il miele.”
Premetto che mi considero un narratore, più che un’intellettuale e quindi non aspettatevi spunti sociologici o qualcosa di filosofico. D’altronde si tratta di un  romanzo di fantascienza medio costituito da 180 cartelle di lavoro circa, improntato su molta azione.

Sinossi

Milano, futuro imprecitato. La città ha assunto una fisionomia particolare. Durante il giorno è operosa e invasa da milioni di lavoratori come molte altre città italiane e del mondo, ma la notte cambia faccia. Al termine della giornata lavorativa la città viene abbandonata: gli impiegati e i funzionari abbandonano gli uffici e i luoghi di lavoro e a bordo di treni superveloci, aerei a decollo verticale, elicotteri tornano nelle loro ville futuristiche situate sui grandi laghi alpini o nei nuovi centri residenziali costruiti con tutti i comfort a ridosso delle colline, lasciando la città abbandonata a se stessa. Così Milano si spegne di colpo e si trasforma in una terra senza dio, dominata da prostitute, barboni, ragazzini abbandonati. Una popolazione, neppure censita, che vive e vaga tra palazzi, musei e stazioni metropolitane  abbandonate. Gente derelitta e disperata  che non può uscire dalla cerchia della città, per non guastare l’immagine di un mondo quasi perfetto, controllata a vista da una polizia crudele e militarizzata.
Tra questi disperati vive “Baggio” un ragazzino tredicenne che  vuole vendicarsi del suo patrigno responsabile della sua cacciata di casa. Ma le vendette sono difficili da portare a termine, specialmente se i problemi primari consistono nel sopravvivere ai figli di papà che di notte piombano sulla città in cerca di emozioni forti e nel riempire lo stomaco. Problemi quotidiani che cesseranno di esistere nel momento in cui incontrerà uno strano personaggio uscito dall’Università della Bicocca, il solo centro vitale della città. Un personaggio a metà tra il profeta e il ciarlatano, convinto di essere la reincarnazione di Jim Morrison. Baggio ne sarà plagiato e trasformato e la sua vendetta assumerà aspetti mitici e leggendari. 

14 commenti:

  1. Beh sembra interessante, lo leggerò e vedrò di commentare ogni capitolo.

    RispondiElimina
  2. @ Grazie Daniele: ho bisogno del consulto dei lettori... mi chiarirà di certo le idee:-)

    RispondiElimina
  3. Conta su di me, ci sarò, anche se non ti assicuro la continuià nei commenti, perché sono lento a leggere e scrivere.
    Temistocle

    RispondiElimina
  4. @ Grazie Tim, nessun problema. Un lavoro del genere era intenzioanto a farlo da parecchio tempo. Questo romanzo mi sembra adatto...

    RispondiElimina
  5. Ottimo! Ci sono! Molto Stephen King il racconto a puntate! (certo che abitando in periferia milanese un pò d'apprensione m'ha attanagliato, sappilo) :)

    RispondiElimina
  6. Mi piace sopratutto la location Italiana,quindi ci sarò.
    Nick?
    Presente!

    RispondiElimina
  7. Volevo anche dire che per qualche giorno non potrò commentare,credo dovrei tornare a fine settimana almeno spero.
    Ciao.

    RispondiElimina
  8. @ Charlie: grazie, spero che mi esca la milano che ho immaginato.

    @ Tranquillo Nick, ho letto anche da altre parti, spero che non ci sia qualche problema serio eh?

    RispondiElimina
  9. Si preannuncia interessante.
    Però spero che tu ne fornisca anche una versione formato pdf, da poter scaricare sul palmare per poterla leggere a casa con calma, magari seduto sul divano...

    RispondiElimina
  10. Sfrutterò Istapaper per leggermelo comodamente su Kindle... non vedo l'ora!! :D

    RispondiElimina
  11. La doppia faccia della grande metropoli...


    la città appariscente che "produce" alla luce del sole, e quella degli invisibili al buio...

    seguiremo....
    sarebbe bello, e questo è l'augurio che ti facciamo, se riuscissi a pubblicare...anche iniziando da un numero limitato di copie autoprodotte (che...purtroppo, costano...è vero...ma il cartaceo ha il suo fascino...)

    alla prossima
    Enzo-> UltimoPesceParlante
    Linda -> YouandUs
    Veronica -> Vique_ElGiramundoBlog

    RispondiElimina
  12. @ Ariano e Glauco: sino a Natale penso di postare il romanzo come semplice aricoli del blog purtroppo, ma per quel periodo spero di sistemare al meglio l'impaginzione del formato pdf
    :-)

    @ Elgiramundoblog: grazie per l'incoraggiamento: vediamo l'imapatto che otterrò con questi primi capitoli... vedremo
    benvenuti:-)

    RispondiElimina
  13. Ah, ma qui si provoca!
    Jim Morrison reloaded and the psycho kid, sounds good.

    RispondiElimina
  14. Grazie Angelo, se hai tempo e voglia leggi i capitoli:-)

    RispondiElimina