venerdì 12 novembre 2010

Mac o Windows: questo è il problema

Il mio notebook non ce la fa più. Lo capisco, l’ho sfruttato per anni e adesso mi sembra nelle condizioni in cui mi trovo io certe volte: “non ci sta più dentro” se mi passate la frase. La colpa?
Principalmente la darei agli aggiornamenti del sistema operativo, perché io l’ho sempre usato soltanto per scrivere e per navigare in calme pagine web. Se escludete qualche ebook di amici, non ho mai scaricato né musica né altro (no, neanche cose pornografiche) e quindi non credo debba avercela con me tanto da lasciarmi a piedi.  
Certo l’amico resiste e non molla e di questo gli sono grato, mi rendo conto tuttavia che sia giunto il momento di mandarlo in pensione.  Una meritata pensione definitiva.
Sì, a volte mi ha fatto soffrire. Negli ultimi tempi in un modo esagerato: ho perso decine di minuti prima di trovarlo disponibile e con tempi di risposta  accettabili.
Ma ora si presenta il vero problema: con chi lo sostituisco?
Mi prendo un filibustiere con il suo background o faccio un sacrificio e assumo un maggiordomo di classe nonostante possa costare molto?
Glauco qualche mese fa aveva  lodato in un commento le caratteristiche di un Mac con Scrivener e sono più che propenso ad acquistarlo. Mi costerà un po’ di più, ovvio, ma avere in casa una macchina di altro livello di sicuro mi garantirà una condanna (quante imprecazioni in meno) più mite il giorno del giudizio. È probabile quindi che investirò in questo senso, ma ovviamente la discussione è aperta nel caso qualcuno desideri aprirmi gli occhi su altri mondi inesplorati.

8 commenti:

  1. Sai che son Angelo&Demone allo stesso tempo, vero?

    Ti voglio ricordare che Scrivener sta per apparire anche nel mondo Windows. La demo è già disponibile...

    Continuo a votare per i Mac ma, comprendo anche che il portafogli ha una sua influenza. Mio babbo ha un portatile con windows 7. Ci ho giochicchiato parecchio e non è male. Sconsiglio assolutamente Vista, questo sì. Ma Seven non è il male supremo.

    Però... un bell'iMac tutto d'alluminio, con OSX a bordo... wow...wow... WOW...

    E poi c'è la possibilità di trovarne uno refurbished risparmiando qualche liretta (qui)

    Angelo e Demone... hihihihihi!

    A parte gli scherzi. Io lavoro su un iMac comprato nel 2001 e va che è una meraviglia. Se non fosse per quei monitor da 27" che mi fanno venire l'aquolina alla bocca (io ho un 17"), non penserei mai di sostituirlo!

    RispondiElimina
  2. Che tu sia un Angelo e Demone l'ho scopeto da un pezzo:D

    No, vado su IMAc. Prendo il 21,5 pollic e via. Vedrai poi come i romanzi si screveranno da soli:-)

    RispondiElimina
  3. MAC TUTTA LA VITA !!! qualità, velocità, semplicità, poi l'interfaccia da sbavo e il magnifico OSX !!!!!!!!!!!!!!
    Prendilo e non te ne pentirai, fidati, da quando sono passato a mac è tutto più bello e sopratutto funziona,

    RispondiElimina
  4. @ Grazie del contributo, lo farò sicuramente, se non è questione di giorni è questione soltanto di settimane

    caio :-)

    RispondiElimina
  5. ti consiglio un portatile normale con sopra istallato ubuntu! in 2 anni mai avuto un problema!
    (giuseppe tararà)

    RispondiElimina
  6. @ Giuseppe: forse linux in prospettiva è il meglio in assoluto, ma al momento sono un po' scettico... :-)

    grazie

    RispondiElimina
  7. Io ti consiglio di provarlo comunque un sistema Linux; è molto più semplice di quanto possa sembrare, e non richiede alcuna conoscenza specifica, solo un pò di volontà di imparare qualcosa di nuovo.
    La maggior parte delle distribuzioni è avviabile anche dal LiveCD, senza bisogno di installare nulla sul PC, per poter valutare.
    Se ti va puoi provare con Ubuntu o Linux Mint.

    RispondiElimina
  8. @ Sekhemty: sì, ti capisco, ma è la mancanza di volontà nell'imparare che mi crea qualche perplessità. Con Mac o windows possiedo un po' di esperienza ma con Linux dovrei partire proprio da zero:-)
    grazie

    RispondiElimina