martedì 30 novembre 2010

Dieci motivi per non leggere libri

Ho trovato questo post l’altro ieri e ho pensato di condividerlo e pubblicarlo anche sul mio blog. È ironico al punto giusto, e rende bene l’idea di come è  vista la lettura in Italia.  Lo lascio  come l’ho trovato nella blogosfera e linko naturalmente l'indirizzo del blog dove ho trovato la fonte.  Sono soltanto dieci consigli sul perché uno non dovrebbe leggere un libro.

1) Risparmierete soldi. Un libro costa dai 10 ai 20 euro. Chiamate un amico/a, fatevi una pizza. Magari riderete di più (certo, dipende dal libro, alcuni sono anche più divertenti della vostra solita comitiva). E soprattutto eviterete di sprecare soldi. Una magliettina con etichetta potete ridarla indietro, un libro brutto comprato per sbaglio no (si, ok, per una volta potete farlo, ma cosa ne pensa il libraio se tornate a farlo più di una volta al mese? Nelle grandi catene si segnano il vostro nome dalla prima volta che lo fate, vi assicuro)
2) Non leggete perché leggendo vi succedono cose strane, vi si sveglia il cervello e il cuore. Iniziate a notare dettagli fastidiosi in chi vi circonda, non riuscite a godervi le trasmissioni che girano mediamente in tv nel nostro Paese, inizierete a soffrire di più, come se vi foste iniettati massicce dosi di empatia nei confronti degli altri. Non si vive bene, così.
3) Risparmierete tempo. Il tempo necessario per leggere un libro. E se lo comprate on line? Approfittate per leggere l’oroscopo, che ne so, o per scrivere una frase carina su Facebook al tizio/a che vi interessa, che vi ha illuso chiedendovi l’amicizia ma non siete mai riusciti a salutare dal vivo.
4) Avrete più spazi liberi e meno disordine nella vostra camera.
5) Migliorerete la vostra cultura musicale/cinematografica (se al posto del libro comprate un cd/dvd) il vostro aspetto (investite su abbigliamento e trucco) o la vostra forma fisica (quattro libri circa vi regalano l’iscrizione da sempre rimandata alla palestra).
 6)Non leggete, soprattutto ebook, perchè vi si rovina la vista (lo dice sempre mia madre).
 7) Magari, astenendovi dal leggere per un po’, vi toglierete pure dalla faccia quell’espressione da intellettualino pesante. Non vi è mai venuta? Allora passate direttamente al punto
8) Non leggete, magari vi verrà voglia di scrivere (in genere in Italia funziona così). Non garantisco sui risultati, ovviamente.
 9) Non rimarrete delusi da chi non sa chi sia David Forster Wallace o che P.D. James è una donna. Allargherete spensierati il giro delle vostre amicizie, includendo persone che prima avete escluso dalla vostra cerchia. Sarete meno soli!
10) Non leggete: vi sentirete finalmente ‘normali’ in un Paese in cui chi legge non lo è.

35 commenti:

  1. Si ^_^ L'ho lette pure io. Sono grandiose! :D

    RispondiElimina
  2. Da qualche giornio pensavo se condividerlo o no, ma questo post merita:-)

    RispondiElimina
  3. Sarcastico al punto giusto e illustra pienamente la situazione del nostro paese.

    RispondiElimina
  4. Gran post! (Da te è meglio: quell'altro l'ha infarcito di un po' troppa pubblicità per i miei gusti)

    RispondiElimina
  5. 4) Avrete più spazi liberi e meno disordine nella vostra camera.

    Sono d'accordo. Ecco perchè sono passato agli eBook... XD

    Il punto 8 è spettacolare!

    RispondiElimina
  6. personalmente il punto 4 lo trovo molto realistico.

    RispondiElimina
  7. E io che ho sempre creduto che David Wallace fosse P.D. James traverstito da uomo e andasse in giro a scrivere libri per il solo gusto di riempirci le camere e farci ingrassare 3 kili a quadrimestre! Com'è strana la vita!
    Comunque complimenti all'autore.
    Temistocle

    RispondiElimina
  8. @ Silas. grazie, è davvero divertente:-)

    @Angelo: Anch'io lo trovo spettacolare... mi piacciono un po' tutti i punti:-)

    @ Piscu: ehm, la mia camera avrebbe bisogno di vedere sparire qualche libro, ma anche il salotto, gli armadi, il solaio, ne ho dappertutto, maledizione:-)

    RispondiElimina
  9. @ Tim e Steam Engenius: avete ragione entrambi:-)

    RispondiElimina
  10. Il punto 10 è quello che sento più affine.Così mi sento alle volte in questo mio paese.
    Ciao, vado a leggere un libro.

    RispondiElimina
  11. :) Simpatico!
    (il punto 1 e 4, però, son punti dolenti, facilmente sanabili con un pò di sano moto verso la biblioteca più vicina)

    RispondiElimina
  12. L'unico con cui non sono d'accordo è il punto 5: musica e cinema sono forme di espressione artistica che hanno pari dignità rispetto alla letteratura; per quello che mi riguarda, considero un euro speso in libri dello stesso valore di un euro speso in cinema.
    Ed anche riguardo al tenersi in forma, beh un pò bisogna farlo, mens sana in corpore sano non è una frase fatta :)

    RispondiElimina
  13. Geniale.
    In effetti ci stavo proprio pensando di smettere di leggere XD

    RispondiElimina
  14. @ Sekhemty: considerazioni più che giuste e licete:-)


    @Ariano: perché, tu leggevi ancora? :D

    RispondiElimina
  15. Avevo promesso che avrei commentato sul blog dopo aver finito il libro...ed eccomi qua...il tempo non è mai abbastanza, su OK sono paranoici e non badano ai commenti o le discussione, ma sono invasati per il Karma...non divago e ci ribbecchiamo al prossimo post perchè questo è troppo forte e condivisibile per instaurare una sana e "ivasata" discussione...un saluto e.....ti seguirò sicuramente.

    RispondiElimina
  16. @ Grazie Mark e benvenuto, certo che ribecchiamo. Mi sono già permessi di seguirti a mia volta e nei prossimi giorni aggiornerò il blog rool :-)

    RispondiElimina
  17. Si ispira vagamente al Duccio di Boris, che dichiara di non leggere più nulla, nemmeno i cartelloni pubblicitari, e di vivere benissimo. "Manco il corriere dello sport?"
    "Neppure quello!"...

    RispondiElimina
  18. @ Matthew: i giornali e i giornali sportivi ultimamente fanno cilecca anche con il sottoscritto:-)

    RispondiElimina
  19. ciao, bellissima questa lista! ahah, è proprio una caricatura bella e buona.
    Piacere di averti letto, fai un salto da me!

    PS
    un piccolo consiglio: ingrandisci le dimensioni del testo, è faticoso leggere bianco su nero così in piccolo

    RispondiElimina
  20. Ciao, ti avevo già scritto di aver tratto ispirazione dal tuo blog, in particolare da questo bel post, ironico al punto giusto! Ho appena pubblicato il mio, quindi se ti va passa a dargli un'occhiata. Ciao :-)

    RispondiElimina
  21. Ma te pensa...sul punto che dice che non leggendo si risparmia non sono d'accordo...ho insegnato al mio compagno ad andare in biblioteca e leggere invece che stare davanti alla tv (così si risparmia sulla corrente no?)

    RispondiElimina
  22. Dopo aver letto questa lista,ho avuto tante risposte al perchè troppa ignoranza e molta superficialita' abbia avuto la meglio sul modo di vivere e di parlare di troppe persone...adoro i miei libri,le cose che provo nel leggere,nello sfogliare le pagine e adoro il profumo che emanano e le sensazioni che rievocano nella mia mente...trovo che niente al mondo sia meglio di una buona e sana lettura...non potrei vivere senza!

    RispondiElimina
  23. I soldi spesi meglio in tutta la mia vita....i libri sono il mio mondo!
    Sarà vero che nell'ignoranza si vive più sereni,oggi giorno con quello che accade nel nostro paese il sistema nervoso viaggia a mille.....ma preferisco sapere che ignorare!

    RispondiElimina
  24. ... neanch'io sapevo che P. D. James fosse una donna xD
    Però bellino. Sigh.

    RispondiElimina
  25. Che triste verità.. io sono sommersa dai libri universitari e lavorativi che mi rubano tutto il tempo.. ma un buon libro, tascabile, lo porto sempre in borsa! magari tra l'attesa dietro lo studio di un prof e quella dal commercialista, spero sempre di poter leggere qualche pagina!

    RispondiElimina