venerdì 8 ottobre 2010

Edimburgo, Atene e un Pit Stop al GP di La Tela Nera

Lunedì mi devo recare a Edimburgo per lavoro e rimarrò in Scozia per tutta la settimana. Prospettiva eccitante e allettante sotto certi punti di vista, ma senza preavviso è stato un fulmine a ciel sereno. Mi adeguerò, troverò le motivazioni per fare al meglio il mio dovere, tuttavia devo ammettere che una trasferta del genere mi obbliga a ripiegare su un piano b (vero Alex?): racconti in fase di sviluppo, concorsi a cui sono iscritto, sono alcune delle cose che devono avere una brusca virata.
In linea di massima non sono uno sprovveduto. Ho imparato a non aspettare l’ultimo minuto, però tre o quattro giorni in più di riletture e revisioni non sarebbero stati inutili. Vorrà dire che farò buon viso a cattiva sorte ed entro domenica invierò i due racconti scritti per il concorso “Nella Tela” e la fiaba che ho Riraccontato per il forum di Edizioni XII.
Però c’è anche un altro problema che incombe. Sono preoccupato per il blog. Mi rendo conto che stare una settimana senza postare può essere deleterio, ma al momento non ho le idee chiare sulla disponibilità di una rete per lavorare. Insomma ho gli articoli pronti per settimana prossima, ma non posso postarli tutti in un giorno solo.  Se sarà possibile cercherò di essere regolare nelle pubblicazioni, ma come di punto di partenza ho già ideato un post con un giochino letterario che intento postare domenica, un giochetto che potrebbe coprirmi alcuni giorni di black out (nel caso accadesse aiutatemi nella condivisione sui Social Network, se vi è possibile e se vi accorgete che sono assente.)
Purtroppo devo fare un Pit Stop immediato anche con il nuovo concorso ideato da Alessio Valsecchi sul forum de La Tela Nera. Edimburgo infatti non è la sola trasferta del mese. Il penultimo weekend di Ottobre dovrò recarmi ad Atene per motivi di altro genere, anche loro irrinunciabili, e quindi il mondo virtuale è più che mai aleatorio.
Scriverò e leggerò a più non posso, ma sopravvivrò senza i vostri commenti?

13 commenti:

  1. Ogni tanto ci passo anch'io: il blog rischia di diventare più importante del lavoro (e per molti versi lo è), quindi ci sentiamo obbligati a curarlo ogni santo giorno, festivi compresi.
    In parte è giusto e in parte no. Vai tranquillo e cerca semmai di collegarti con qualche wireless pubblica (scommetto che ce ne sono di più a Edimburgo che in tutta Italia).
    Io sono riuscito a collegarmi da posti impensabili... perfino dal deserto tunisino :))

    RispondiElimina
  2. @ Alex grazie anche del gancio con il piano B :-)

    RispondiElimina
  3. Beh... svelo un segreto di pulcinella. Non scrivo i miei post giornalmente. Sono tutti pre-scritti e programmati in modo tale che escano uno al giorno, così copro ogni eventualità.
    Poi... ogni tanto escono più post in una giornata. Il primo è quello programmato, gli altri sono scritti sul momento.

    In questo modo riesco a ripartire le forze... e a concedermi anche "giorni di riposo".
    Dedico una serata al blog, pensando a cosa scrivere durante la settimana. In fondo ho "persino" una sorta di palinsesto virtuale. Il martedì la lezioncina, il giovedì i corti, il sabato la recensione, la domenica una citazione. Negl'altri giorni tema libero.

    RispondiElimina
  4. Ma scherzi?
    Goditi Edimburgo ed Atene,i tuoi amici resteranno ad aspettarti.
    Poi ha ragione Alex,puoi connetterti dalla Scozia,puoi trovare anche stimoli ed idee nuove per racconti e post.
    Poi i consigli di Gloutchov mi sembrano ottimi.
    Se poi hai paura di perdere qualche lettore in questi giorni,stai tranquillo,se proprio dovesse succedere saranno solo i più distratti.
    Goditi le birre scozzesi,prova la Belhaven e non mangiare troppo haggis.
    Ciao

    RispondiElimina
  5. @ Glauco, anch'io i post li preparo in una giornata, temo soltanto di non poter usare il computer e la cosa me innervosisce mica poco:-)

    RispondiElimina
  6. @ Nick, cercherò di cavarmela nei migliori dei modi, oh sicuramente porterò a casa un racconto:-)

    RispondiElimina
  7. Buon viaggio, Ferruccio!
    Goditela.

    RispondiElimina
  8. Dai, un po’ di latitanza non ti farà perdere le nostre visite! Rilassati e goditi il viaggio – va beh, vai per lavoro ma almeno cambi aria – poi al rientro sono sicuro che avrai idee e spunti per nuovi post. Buona Scozia!

    RispondiElimina
  9. Sono gli inconvenienti di una piattaforma non ai livelli di wordpress :)

    Con wp puoi postare nel futuro, ossia programmare l'uscita dei post.

    Però se hai un piccolo notebook, all'estero non dovresti avere problemi di connessione.

    RispondiElimina
  10. @ Grazie Giuda: le previsioni danno la presenza di nebbia ma non pioggia e ciò è positivo:-)

    @ Daniele :-) Sì mi porto un computer con qualche post già pronto... non sapevo che wp avesse questa grande possibilità :-)

    grazie

    RispondiElimina
  11. Possiamo fare cambio? ;-)
    Scherzo, Edimburgo e Atene sono due bellissime città, ma capisco che andarci per lavoro non é la stessa cosa che fare il turista.
    Comunque, buon viaggio e stai tranquillo che non ti dimentichiamo!

    RispondiElimina
  12. Grazie Ariano ho visto adesso il tuo coimmento

    RispondiElimina