lunedì 19 luglio 2010

Hemingway collection

Il censimento dei libri in mio possesso continua. Con il conteggio ho già superato i cinquecento volumi, ma ne mancano ancora diverse centinaia all’appello. 

Appare evidente tuttavia, scorrendo i titoli che ho toccato per mano in questi giorni, che ho una predilezione verso la narrativa americana, con un occhio di riguardo verso gli autori della Lost Generation, Hemingway in primis, di cui posseggo quasi l’intera collezione. Ho deciso perciò di postare una ipotetica classifica di merito riguardante i suoi lavori. Naturalmente questa classifica è frutto di considerazioni personali, ma la propongo affinché possa essere discussa.



1- Fiesta: l’Hemingway d’annata in un capolavoro che mostrò al mondo intero una generazione di artisti espatriati e la feria di Los Sanfermines di Pamplona, una festa che ancora oggi attira gente da tutto il mondo grazie a questo romanzo. Una narrativa a metà tra cronaca e poesia


2 - Quarantanove racconti: Lo avrei messo al primo posto soltanto per i racconti “Grande fiume dai due cuori” e “Un posto pulito, illuminato bene”, il clou di Hemingway per conto mio, ma alcuni altri componimenti presenti in questa raccolta lo rendono un pochino inferiore al romanzo in testa alla classifica.


3 - Addio alle armi: una storia d’amore tragica che si sviluppa durante la prima guerra mondiale. Non ci sono eroi, solo una ricerca senza speranza della felicità.


4 - I racconti di Nick Adams: altro gioiellino letterario, leggete “Scrivere” se vi capita.


5 - Per chi suona la Campana: guerra civile Spagnola, altra storia d’amore tragica, il sacrificio estremo. Un’opera di stampo Elisabettiano.


6 - Festa Mobile: Parigi degli anni venti, artisti famosi e non, la fame vera e poi il successo con i guai che comporta.


7 - Un’estate pericolosa: la sfida selvaggia tra due toreri nelle arene spagnole degli anni cinquanta. Una cronaca con innesti narrativi di pura classe Hemingwaiana.


8 - Morte nel pomeriggio: ancora tori in un saggio sulla corrida. Un libro tecnico con un pregevole glossario in coda. Un libro che mi ha suggerito la realizzazione di un saggio sui serpenti velenosi. Niente Miura o Cobaleda, ma Bitis Gaboniche e Lachesis Mute. Per ora mi accontento di redigere lavori sulle Echis Carinatus per La Tela Nera (ringrazio Alessio Valsecchi e Daniele Bonfanti per questo), ma arriva… arriva.


9 - Di là dal fiume tra gli alberi: altra storia d’amore tragica, a volte sfiora il patetico, ma anche in questo caso l’Hemingway narratore la spunta alla grande.


10 - Il vecchio e il mare: con questo libro ha vinto il nobel. Dovrebbe bastare, ma dal mio punto di vista e ricco di troppi trucchi e marpionaggini.


11 - Il giardino dell’eden: questo romanzo è stato utilizzato per un concorso riguardante gli incipit. Carino e grazioso. Possiede una morbosità particolare ed una strana carica erotica.


12 - Avere o non avere: un lavoro particolare, ma forse non carico come i precedenti. Anche in questo caso a salvare la narrazione sono i trucchi del mestiere.


13 - Isole nella corrente: un libro postumo, non editato dalla mano del maestro e questo si nota, nonostante qualche brano scorrevole e di classe. Troppi dialoghi inutili e banali.


14 - Verdi colline d’africa: il solo libro di Hemingway che non mi sia piaciuto davvero. A parte alcuni dialoghi sui problemi legati alla narrativa e all’arte, non lo trovo molto interessante.


A questo vanno aggiunti, fuori classifica, un libro di poesie, un saggio di Fernanda Pivano e un Meridiano Mondadori che raggruppa tutti i racconti. Ovviamente quelli non catalogati non li posseggo, ma si tratta di postumi poco credibili. Un'Hemingway collection con i fiocchi.


6 commenti:

  1. Anni fa ho letto Il vecchio e il mare... 80 pagine per un mese di lettura. Non riuscivo a leggerlo per più di una paginetta per volta...

    RispondiElimina
  2. Il vecchio e il mare credo sia stato scritto appositamente per il Nobel... non mi ha esaltato.
    Per me, l'Hemingway più grande è nei racconti che ho citato nel post:
    "Grande fiume dai due cuori", "Un posto pulito, illuminato bene" e "Scrivere" ma ce ne sono altri:-))

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Per caso si trova "In our time" di Hemingway in italiano? Se sì, com'è?

    Grazie.

    Umberto.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Io per quanto l'abbia cercato non sono riuscito a trovarlo. Bisognerebbe scrivere direttamente a Mondadori.
    I racconti contenuti "In our time" si possono però trovare in questo libro:
    "Tutti i racconti di Hemingway"
    isbn 88-04-37054-8
    sempre Mondatori, raccoglie tutti i racconti del Maestro:-)

    RispondiElimina