mercoledì 28 aprile 2010

Vengo da parte di Pepe Carvalho


Qualche giorno fa, rispondendo in FB a un commento di Simone Lega, uno tra gli scrittori emergenti che più adoro, (provate a leggere “I Monacheddi” racconto vincitore del concorso Usam Showdown 2010 svolto sul forum di Edizioni XII per farvene un’idea) gli avevo scritto che avrei proseguito con delle schede riguardanti le curiosità di scrittori celebri parlando di Hemingway, King, Melville e Fredric Brown. Ovvero questa era la scaletta che avevo in mente.
Le cose che accadono, però, sono talmente tante e veloci che mi sono visto costretto a migrare verso autori imprevisti. Mi rendo condo che posso apparire bugiardo comportandomi in un modo del genere, ma mica è colpa mia; se accade che uno deve recarsi a Barcellona, può forse evitare di parlare di Manuel Vázquez Montalbán?
Lo scrittore, nato a Barcellona il 14 luglio 1939 e morto a Bangkok il 18 ottobre 2003, saggista, poeta e giornalista, vincitore di svariati premi nazionali e internazionali, oltre a essere un grande fan di Vasco Pratolini (cosa che può far piacere a noi Italiani) e stato pure un gastronomo di alto livello.
Lui e il detective Pepe Carvalho, suo alter ego usato in molti romanzi, grazie alla loro passione culinaria, sono entrati a far parte in pianta stabile di una commedia umana che non cessa di esistere neppure adesso che l’autore è scomparso. D’altronde Barcellona vive ancora, in un modo o nell’altro, in loro due, e non esiste un Catalano appassionato di letteratura che non ne parli in maniera entusiastica e campanilistica.
Ora, siccome settimana prossima, come ho scritto, vi debbo andare per lavoro, non mi esulerò dal fatto di fare una “ronda” dei suoi luoghi prediletti. In realtà devo confessarvi che Barcellona la conosco abbastanza bene, essendoci stato decine di volte. Ho assistito al ballo della Sardana la domenica mattina dopo la Messa Grande sulla piazza della Cattedrale e sono entrato, grazie agli spettacoli di mio fratello, nei teatri più belli della città. Ho frequentato locali alla moda e ho mangiato in ristoranti deliziosi nella zona del Porto Olimpico. Tuttavia devo ammettere che non conosco i luoghi dedicati a Montalban, come non conosco il ristorante di Casa Leopoldo, uno dei posti più rappresentativi di Carvalho e del suo ideatore, considerato tra i migliori della città e della Spagna. Si trova al numero 23 di San Rafael Street e mi sa che devo proprio trovare il tempo per andarci, anche perché voglio vedere davvero se basta dire: "Vengo da parte di Pepe Carvalho" per ottenere tutto ciò che si desidera.

2 commenti:

  1. Troppo buono (faccina che arrossisce)! Comunque la stima è reciproca, Ferruccio.

    RispondiElimina